rotate-mobile
Cronaca

Gli edicolanti di Snag Confcommercio incrociano le braccia

I sindacati dei rivenditori Sinagi Slc Cgil e Usiagi Ugl hanno deciso di spostare ad altra data la forma di protesta che era stata indetta per il 24, 25 e 26 febbraio

Slitta lo sciopero per alcune categorie di edicolanti. I sindacati dei rivenditori Sinagi Slc Cgil e Usiagi Ugl hanno deciso di spostare ad altra data la forma di protesta che era stata indetta per il 24, 25 e 26 febbraio e che avrebbe determinato la chiusura delle edicole proprio nei giorni di svolgimento delle elezioni politiche. Lo sciopero è stato indetto per protestare contro l’assenza di regole nel settore, la mancata riforma dell’editoria e la mancata apertura della trattativa per il rinnovo dell’accordo nazionale.

I sindacati chiedono interventi a favore di un settore in grave crisi, dove 30mila posti di lavoro rischiano di sparire e altri 20.000 si sono già persi per la chiusura di 10.000 edicole in Italia. Essendo intervenuti in questi giorni gli inviti a posticipare la mobilitazione formulati dal Prefetto di Roma, dal Governo e dalle forze politiche, le segreterie nazionali dei tre sindacati hanno deciso di spostare ad altra data lo sciopero. E’ stata affidata alle strutture regionali la fissazione dei termini e delle modalità di svolgimento dello stesso.

SNAG-Confcommercio conferma invece i tre giorni di chiusura delle edicole associate al sindacato. “Nonostante il positivo incontro avuto con il Prefetto di Roma e il suo impegno a supportare le nostre istanze, riteniamo non prorogabile la nostra azione di protesta”, dichiara Armando Abbiati, Presidente di SNAG Confcommercio . “Apprezziamo inoltre le promesse del segretario del PD, Pier Luigi Bersani, che sottolineano la gravità di una situazione da troppo tempo non governata, e avvalorano le nostre motivazioni. Troppo a lungo abbiamo confidato nelle promesse del mondo politico e imprenditoriale; nel frattempo migliaia di edicole, sopportando il fardello più grave della crisi dell’Editoria, sono state costrette a chiudere. La nostra organizzazione, forte di oltre 12.000 associati, ritiene irresponsabile desistere dall’azione di protesta: questo è l’unico momento nel quale si può far toccare con mano l’insostituibile ruolo delle edicole nell’assicurare il diritto costituzionale all’informazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli edicolanti di Snag Confcommercio incrociano le braccia

RavennaToday è in caricamento