Alcol a minori: denunciato il titolare di un noto stabilimento balneare di Lido di Classe

I Carabinieri della Compagnia di Cervia e Milano Marittima hanno denunciato due baristi e il titolare di un noto stabilimento balneare di Lido di Classe

Somministravano bevande alcoliche a minorenni. I Carabinieri della Compagnia di Cervia e Milano Marittima hanno denunciato due baristi e il titolare di un noto stabilimento balneare di Lido di Classe. I provvedimenti sono scattati a seguito dei controlli svolti dagli uomini dell'Arma, in borghese, nei primi due lunedì di agosto, in occasione di serate autorizzate dal Comune di Ravenna. E' stato accertato come i due baristi, nonostante l'obbligo di chiedere ai giovani l'esibizione di un documento di identità, abbiano somministrato alcolici a più riprese a ragazzini di età compresa tra i 13 e 15 anni

Così nella serata di lunedì per i due barman e per il titolare dello stabilimento è scattata la denuncia penale. Inoltre tre chioschi-bar sono stati sottoposti a sequestro preventivo su iniziativa degli Ufficiali di Polizia Giudiziaria. Il reato, previsto dall’articolo 689 del Codice Penale, con l’aggravante della recidiva, può comportare l'arresto fino a un anno, l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000 a 25mila euro e la sospensione dell'attività per tre mesi. La condanna importa anche la sospensione dall'esercizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il gip (sostituto procuratore Marilù Gattelli) ha convalidato dil sequestro, disponendo una serie di ulteriori verifiche sulla vicenda. Mercoledì sera, all’esito dell’ennesimo controllo dei Carabinieri in borghese, è risultato che il titolare dello stabilimento, nel tentativo di eludere gli effetti del sequestro dei chioschi, aveva improvvisato quattro nuovi bar all’interno dello stabilimento, omettendo di darne la prevista comunicazione all'Ausl. Tale mancanza prevede una sanzione amministrativa da 500 a 3.000 euro per ogni punto di somministrazione bevande. Il Comune di Ravenna, informato delle violazioni penali ed amministrative commesse dal titolare dello stabilimento, adotterà i provvedimenti di competenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento