Traffico di migranti dall'Afghanistan, smantellata organizzazione criminale: 40 indagati

E' partita all'alba l'operazione delle squadre mobili di Ravenna, Bologna e Roma che ha portato allo smantellamento di una presunta associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di migranti

Foto Argnani

Favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina dall’Afghanistan verso l’Italia ed il Nord Europa, abusiva attività finanziaria internazionale con l’Iran e l’Afghanistan e riciclaggio. Sono queste le ipotesi di reato contestate in due complementari filoni investigativi coordinati dalla Procura di Bologna (sostituto procuratore Francesco Caleca) nell’ambito dell’operazione condotta dalla Polizia di Stato. Il bilancio complessivo: 37 persone indagate, 15 perquisizioni, 2 persone già arrestate in flagranza e 4 colpite da provvedimenti cautelari emessi del GIP di Bologna, Letizio Magliaro, sequestri preventivi d’urgenza di conti correnti, cassette di sicurezza, denaro e preziosi disposti dalla DDA bolognese.

Le attività investigative sono state avviate dalla Squadra Mobile della Questura di Ravenna nel febbraio 2012, con il rintraccio di 14 clandestini afghani lasciati da un autoarticolato lungo la strada statale ravennate. Le indagini si sono poi sviluppate su più fronti e non solo in ambito regionale ove gli investigatori ravennati sono stati affiancati dalla Squadra Mobile di Bologna, anche a seguito dell’ulteriore rintraccio di 18 migranti, nel marzo 2012, a San Lazzaro (BO). Un filone investigativo importante si è sviluppato nella Capitale ed ha impegnato gli investigatori della Squadra Mobile di Roma che hanno monitorato diversi flussi di clandestini scoprendo luoghi e immobili dedicati ai migranti e tecniche per superare i controlli agli aeroporti di Ciampino e Fiumicino.

L’ampia e complessa attività d’indagine durata più di un anno ha scoperto un’associazione criminale transnazionale, composta da cittadini afghani ed iraniani, operante nei rispettivi paesi, in Italia con snodi operativi in diverse città, in Grecia, e con referenti in altri paesi europei, destinazioni finali dei migranti. L’operazione di mercoledì delle Squadre Mobili di Ravenna, Roma e Bologna, coordinata dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, ha impegnato oltre 100 uomini con la collaborazione operativa delle Squadre Mobili di Trento, Milano, Firenze, Modena, Siena, Torino, Teramo, Rieti, Venezia, Verona Ascoli Piceno, Ancona, Caltanissetta e dei Commissariati di Chioggia e Senigallia. L’organizzazione si serviva sia di “passeur” che accompagnavano a destinazione i clandestini sia di vettori aerei e ferroviari, fornendo documenti falsi e luoghi ove soggiornare temporaneamente. I prezzi del viaggio variavano a seconda del servizio offerto e delle tappe richieste: dai 2.000 ai 7.000 euro. Gli indagati sono stati controllati mentre organizzavano viaggi verso la Germania, la Danimarca, l’Austria, la Norvegia e la Svezia. Parallelamente sono stati monitorati scambi di denaro e valuta in ambito internazionale con rimesse e proposte di transazioni per decine di milioni di euro in violazione delle normative fiscali ed antiriciclaggio.

Le indagini della Polizia di Stato hanno consentito di individuare i partecipanti al sodalizio criminale dedito all’esercizio abusivo dell’attività finanziaria ed al trasferimento dei proventi derivanti dal favoreggiamento dell’immigrazione illegale. Per il meccanismo illecito si faceva riferimento sia a imprenditori italiani, quali intermediari finanziari internazionali non autorizzati dagli organi di vigilanza finanziaria preposti, sia al sistema “hawala”, tradizionale metodo di pagamento fiduciario mediorientale. Gli inquirenti sono riusciti a monitorare gli scambi del denaro in esercizi pubblici e persino nei bagni della stazione. Nel corso dell’indagine sono stati arrestati passeur mentre attraversavano i confini nazionali, sequestrati documenti e denunciati clandestini in prossimità dell’imbarco agli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, nonché verificate, con la collaborazione degli Uffici delle Dogane presso alcuni scali portuali e aerei, spedizioni di merce verso paesi stranieri e trasferimenti diretti di somme in contanti.

“L’indagine appena conclusa – sostiene Nicola Gallo, Dirigente della Squadra Mobile  - è stata caratterizzata e resa possibile solo grazie all’attività congiunta e alla collaborazione di diversi uffici investigativi della Polizia di Stato, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo che ha assicurato il collegamento investigativo a livello internazionale. Le Squadre Mobili di Ravenna, Roma e Bologna hanno infatti dal primo momento, su indicazione della Procura distrettuale di Bologna, condiviso le strategie investigative e le operazioni condotte poi su tutto il territorio nazionale”.

 “L’operazione odierna  – conclude il Questore di Ravenna Mario Mondelli - dimostra come Ravenna sia stata e sia coinvolta da flussi migratori clandestini e crocevia per organizzazioni criminali. Non è la prima indagine svolta su questo fenomeno illegale, in passato sono stati individuati nel porto di Ravenna decine di clandestini, in pericolo di vita, nascosti all’interno di alloggiamenti ricavati in camion e autoarticolati provenienti dalla Grecia. L’attenzione della Polizia di Stato a Ravenna è costante, dall’inizio dell’anno con l’Ufficio di polizia di frontiera del Porto sono stati attuati circa 50 respingimenti di clandestini. A ciò si devono aggiungere le pattuglie di tutte le Forze dell’Ordine che quotidianamente controllano il territorio e gli uffici investigativi impegnati per contrastare la tratta di esseri umani e i criminali che sfruttano il dramma dei migranti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale da favola a Cervia e Milano Marittima con 140 abeti e illuminazioni fantastiche

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Le azdore romagnole insegnano come fare tagliatelle e strozzapreti e finiscono sul 'Sunday Times' - VIDEO

  • Tra strozzapreti e cappelletti: tanti ristoranti ravennati nella Guida Michelin 2020

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Fissata la riapertura del Mercato Coperto: ristoranti, bar e anche un supermercato

Torna su
RavennaToday è in caricamento