Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Massa Lombarda

Truffa dell'asfalto: individuato il nono componente della banda

Gli uomini dell'Arma sono riusciti ad identificare l'ultimo elemento della banda, un irlandese di anni 31, in Italia senza fissa dimora, deferendolo in stato di libertà per truffa.

I Carabinieri della stazione di Massa Lombarda, a conclusione di una complessa ed articolata attività di indagine finalizzata all’identificazione degli autori di una truffa realizzata lo scorso mese di agosto, hanno individuato l'ultimo componente di una banda specializzata nella truffa dell'asfalto composta da tre irlandesi, altrettanti polacchi e 2 rumeni. Otto di questi erano stati già deferiti in stato di libertà all’autorità giudiziaria ravennate lo scorso 12 agosto.

LA TRUFFA - Con la scusa di realizzare asfaltature in cortili privati a costi estremamente convenienti, realizzavano successivamente le loro opere non conformi a quanto precedentemente concordato ed utilizzando materiali di scarsissima qualità, pretendendo un compenso superiore a quanto pattuito. Gli uomini dell’Arma sono riusciti ad identificare l’ultimo elemento della banda, un irlandese di anni 31, in Italia senza fissa dimora, deferendolo in stato di libertà per truffa.

LE CONGRATULAZIONI - Il sindaco di Massa Lombarda Daniele Bassi ha espresso la propria soddisfazione per la conclusione della complicata indagine condotta dai Carabinieri: "Questa operazione - dichiara il sindaco - insieme ad altri brillanti interventi compiuti per reati di altra natura dalla Polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza, oltre al quotidiano ed efficace presidio del territorio da parte della Polizia municipale della Bassa Romagna, dimostra la prioritaria attenzione al rispetto delle regole, che troppe volte viene disattesa, anche a causa di un sistema sanzionatorio che in Italia viene percepito come eccessivamente mite rispetto al altri Paesi europei".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa dell'asfalto: individuato il nono componente della banda

RavennaToday è in caricamento