menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un percorso tattile-sensoriale e due aule didattiche al museo Classis

E' ora possibile garantire l’accesso ai contenuti anche a persone con bisogni speciali, come non vedenti, ipovedenti e disabili cognitivi

Doppia inaugurazione venerdì mattina presso il Museo Classis Ravenna, alla presenza dell’Assessore alla Cultura Elsa Signorino, l’Assessore all’Istruzione e alle Politiche Europeee Ouidad Bakkali, il Presidente di Fondazione RavennAntica Giuseppe Sassatelli e la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Agostina Melucci. Nell’occasione sono state inaugurate due nuove aule della sezione didattica di RavennAntica e il percorso sensoriale e tattile P.IN.US: Inclusive Project for Usefall.

Grazie al Museo Classis Ravenna, si completa il circuito didattico di RavennAntica, in un’ottica più ampia di conoscenza del Parco Archeologico di Classe. Ogni anno sono oltre 25.000 i ragazzi in età scolare che partecipano alle attività didattiche proposte dalla Fondazione, composte da laboratori esperenziali di mosaico, di manipolazione dell’argilla, di analisi del materiale ceramico e dei reperti archeologici e da visite guidate animate. Senza contare le attività extra scolastiche, quali ad esempio gli appuntamenti di Classe al Chiaro di Luna for Kids, che hanno preso il via solo pochi giorni fa e proseguiranno fino al 21 agosto.

L’inaugurazione di queste nuove aule didattiche, completamente attrezzate e dotate di lim (lavagne interattive multimediali) inserisce sempre più il Museo nell’ottica di uno spazio polifunzionale, aperto non solo alle scuole, ma alla cittadinanza tutta. Le aule didattiche sono state finanziate dal progetto Laboratori Aperti, nell’ambito del programma POR FESR 2014-2020. Al Museo Classis Ravenna è stata anche inaugurata una sezione didattica innovativa, P.IN.US, INclusive Project for Usefall, finanziata dal progetto europeo USEFALL, Unesco Site Experience for All, sull’asse Italia Croazia, progetto dedicato all’accessibilità dei Siti Unesco. P.IN.US è un percorso sensoriale che permette un’esperienza insolita di conoscenza dei mosaici antichi di Sant’Apollinare in Classe, dedicata a tutti gli utenti, secondo un approccio didattico di tipo inclusivo e innovativo. Attraverso tavole musive tattili e ricostruzioni tridimensionali di soggetti vegetali e animali tratti dalle antiche decorazioni musive absidali, è possibile garantire l’accesso ai contenuti iconografici e formali dei mosaici paleocristiani, Patrimonio dell’Umanità, anche a persone con bisogni speciali, come non vedenti, ipovedenti e disabili cognitivi, focalizzando al tempo stesso l’attenzione su tematiche di tipo naturalistico e ambientale. P.IN.US è un progetto elaborato da Cestha, Centro Sperimentale per la Tutela degli Habitat di Ravenna.

“Sono profondamente convinta – dichiara l’Assessore Signorino - che uno dei doveri fondamentali delle istituzioni, soprattutto di una città come la nostra, custode di un patrimonio storico munumentale di inestimabile valore, sia quello di rendere tale patrimonio, che costituisce un bene pubblico, fruibile al maggior numero possibile di persone. Per questo saluto con grande gioia e soddisfazione l’inaugurazione delle due nuove aule didattiche e del percorso di mosaici tattili. Si tratta di un significativo passo avanti nell’ambito di un percorso che continuerà a vederci impegnati nel rendere i nostri monumenti sempre più accessibili alle persone diversamente abili, e quindi a tutti, e sempre più inseriti in circuiti di turismo sostenibile”. “Grazie alla progettazione europea – sottolinea l’Assessore Bakkali – abbiamo convogliato su Ravenna risorse importanti che rendono le nostre esperienze culturali, oltre che accessibili, anche europee e conoscitive in circuiti internazionali”.

“Abbiamo sempre detto che il Museo Classis non è un semplice contenitore espositivo – spiega il Presidente Sassatelli – ma un luogo vivo dove si fa ricerca e formazione. I laboratori didattici vanno in questa direzione e sono di assoluta qualità logistica e strumentale. Da sempre RavennAntica rivolge grande importanza al valore dell’educazione verso i giovani, fondamentale per prepararli a conoscere ed apprezzare il nostro patrimonio”. “Voglio ringraziare tutti, in particolare l’Amministrazione Comunale, per questa importante iniziativa – aggiunge la Dirigente Melucci. Classis Ravenna è un museo formativo per tutte le scuole, che consente ai bambini il contatto diretto con la storia grazie all’interazione con i reperti esposti. Visitare un museo è un modo per venire a contatto con la bellezza, attraverso la quale i bambini possono avere uno sguardo più ampio verso loro stessi e verso il mondo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento