Cronaca

Un ponte "social" tra Ravenna e i terremotati di Visso

L’assessore Roberto Fagnani si è recato nel piccolo centro marchigiano per celebrare la collaborazione nata con la comunità ravennate dopo l'evento sismico

Nell’ambito del gruppo Facebook formatosi tra cittadini in maniera del tutto spontanea, si è sviluppata tra le due cittadine una collaborazione proficua ed è stato stabilito un canale di collegamento forte e partecipato che ha consentito di sostenere la comunità del piccolo centro marchigiano attraverso la donazione di beni di prima necessità, cercando di alleviare le difficoltà e i disagi derivanti da un anno vissuto nelle roulottes e in ricoveri di fortuna. 

A testimoniare e a suggellare l’amicizia nell’ambito dell’iniziativa Vissosteniamo è stato chiamato Roberto Fagnani che, accompagnato da Filippo Donati, presidente di Assohotel, in rappresentanza dei membri del gruppo facebook, ha donato al sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini, un mosaico che rappresenta gli otto siti Unesco della città mentre ad una rappresentanza delle donne di Visso è stata offerta una mattonella in mosaico relativa al progetto “Ravenna città amica delle donne”.

“E’ importante essere qui – ha detto l’assessore Fagnani – per rendersi conto di quello che è accaduto e far sentire la nostra solidarietà. Ho trovato una cittadina che sta provando a rialzarsi riaprendo con tanti sacrifici le proprie attività anche attraverso la promozione dei suoi prodotti tipici. Ringrazio Filippo Donati e tutti i ravennati che anche attraverso Facebook hanno dimostrato la propria vicinanza alle comunità colpite in un momento difficile come quello del terribile sisma di ottobre 2016”.


Con i cittadini di Visso, molti dei quali si sono rifiutati di abbandonare il paese nella convinzione che altrimenti non sarebbe sopravvissuto al terremoto, l’assessore Fagnani ha scambiato idee e consigli anche sul tema della ripartenza nei settori di aggregazione sociale e ricreazione come quelli legati alle attività sportive.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un ponte "social" tra Ravenna e i terremotati di Visso

RavennaToday è in caricamento