rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Via Baiona, la rabbia dei lidi nord: "I lavori non saranno finiti per Pasqua. Grave danno per le imprese"

Pro Loco e Comitato cittadino contro il Comune: "Ci avevate dato la certezza del termine lavori entro il mese di marzo". Lidi nord amareggiati anche per "la scarsità di collegamenti da e per Ravenna"

Cresce l'amarezza degli abitanti dei lidi nord ravennati per i lavori in corso su via Baiona. Sdegno e preoccupazione sono state espresse in una lettera aperta firmata dalle Pro Loco di Porto Corsini e Marina Romea e dal Comitato cittadino dei lidi nord, indirizzata al sindaco di Ravenna, al prefetto e agli assessori ai lavori pubblici e al turismo.

"Facendo seguito alle poco rassicuranti e inaspettate dichiarazioni dell'assessore ai lavori pubblici prima, dell'assessore al turismo poi e dando seguito alle preoccupazioni avanzate dai residenti e dalle attività economiche dei lidi nord per l'andamento dei lavori sui due ponti, a ridosso della nuova stagione turistica - scrivono le associazioni del territorio che sottolineano come i loro - timori per quanto sta accadendo le erano stati annunciati quasi un anno addietro, sia con incontri (da remoto causa epidemia) sia con un documento unitario inviato a lei e all'assessore al turismo Costantini, il 22 marzo 2021 in cui si proponevano soluzioni per la viabilità in accesso allo stabilimento Marcegaglia e si richiedeva la certezza che i lavori fossero affidati ad una ditta in grado di garantire un numero di operai tali da poter lavorare su più turni per accelerare i tempi e non mettere a rischio la Pasqua 2022. Lo stesso documento fu inviato il 21 luglio 2021 al vice sindaco e all'assessore ai lavori pubblici (all'epoca era Roberto Fagnani). Praticamente gli stessi amministratori pubblici". 

"Un vero impegno corale da parte di chi vive e lavora sul territorio, che si è rilevato lungimirante nell'esprimere tali preoccupazioni, tant'è che i lavori non termineranno entro il mese di marzo - precisano i referenti dei lidi nord - con buona pace delle attività imprenditoriali che subiscono  danni che questa amministrazione comunale sta colpevolmente sottovalutando.  L'assessore Del Conte parla di un ritardo di alcuni giorni, l'assessore Costantini dichiara che i lavori saranno terminati entro il mese di maggio per garantire l'accesso dei bus turistici al terminal crociere. Considerando che sono due componenti della sua stessa giunta comunale, cosa dobbiamo aspettarci visto che ci avevate dato la certezza del termine lavori entro il mese di marzo? Sono previste penali per la ditta che sta effettuando i lavori ? Quale tipo di viabilità dobbiamo aspettarci in via Baiona a ridosso dello stabilimento Marcegaglia per i cittadini e i turisti che la percorreranno da e per Ravenna? Per chi lavora in via Baiona e deve percorrere la SS Romea abbiamo stimato (per difetto) un aumento dei costi di carburante di circa 90 euro al mese. Chiediamo che questa amministrazione si faccia carico di compensare il tutto con interventi da definire con estrema urgenza".

A pesare ulteriormente sulla chiusura della Baiona, è il problema del trasporto pubblico. "Nella telenovela non poteva poi mancare la scarsità di collegamenti da e per Ravenna da parte di Start Romagna e la questione del traghetto che tra scioperi e rotture lascia gli abitanti amareggiati per la superficialità organizzativa di questa amministrazione. Le ricordiamo che siamo ancora in attesa di sapere quando verranno convertiti i motori dei traghetti a gas come da lei più volte dichiarato in assemblee pubbliche, intervento previsto nel processo di autorizzazione del deposito Gnl".

A fronte delle problematiche espresse, Pro Loco e Comitato cittadino chiedono: "se sono previste penali per i ritardi, che la somma prevista sia destinata alle attività economiche annuali di Marina Romea e Porto Corsini; che vengano attivati con effetto immediato non meno di 150 abbonamenti (gratuiti) per il traghetto per i residenti di Marina Romea; che vengano definite con urgenza forme di compensazione per gli aumenti del costo di carburante per i lavoratori che svolgono la propria attività in via Baiona; che si portino immediatamente a termine i lavori del ponte sul canale Candiano e siano velocizzati quelli della canaletta Enel". Le associazioni si rivolgono poi direttamente al prefetto, chiedendo di aiutarli "a risolvere il problema che riguarda oltre 2000 cittadini", e l'Amministrazione comunale a "riaprire il confronto con le associazioni dei cittadini che vivono sul territorio e possono contribuire meglio di altri a trovare soluzioni unitarie". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Baiona, la rabbia dei lidi nord: "I lavori non saranno finiti per Pasqua. Grave danno per le imprese"

RavennaToday è in caricamento