rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

53mila euro di aiuti ai circoli ricreativi, Sbaraglia (Pd): "Risultato importante"

La Giunta ha deliberato una misura straordinaria di aiuto in favore di associazioni e circoli privati che effettuano somministrazione di alimenti e bevande ai soci

La Giunta ha deliberato una misura straordinaria di aiuto in favore di associazioni e circoli privati che effettuano somministrazione di alimenti e bevande ai soci, penalizzati dalle restrizioni dovute all'emergenza sanitaria Covid. Verrà erogato un contributo economico una tantum a fondo perduto. Il provvedimento urgente ha destinato 53.000 euro ai circoli che hanno sede nel comune di Ravenna e svolgono attività permanente durante l’anno.

“Siamo molto soddisfatti – ha dichiarato Fabio Sbaraglia della segreteria comunale del Pd – per le misure proposte e vogliamo ringraziare il sindaco de Pascale e l’assessore Cameliani per il lungo lavoro fatto in questi mesi che ci ha portato a questo importante risultato. Un traguardo che permetterà anche ad associazioni e circoli di poter accedere a un contributo comunale a sostegno della propria attività. Nel comune di Ravenna sono numerosissime le attività associative e ricreative, perciò riteniamo questo provvedimento un segnale di grande attenzione. Si tratta di un atto importante non solo perchè va a intervenire in sostegno di realtà che la pandemia ha colpito molto duramente, essendo state fra le prime a chiudere e fra le ultime a riaprire, ma anche perchè molto spesso nelle periferie e nelle frazioni questo tipo di attività costituiscono un’importante e spesso unica funzione di aggregazione sociale”.

“Una misura giusta e che evidenza, ancora una volta, come questa Amministrazione guardi al futuro di una comunità così duramente colpita dall’emergenza sanitaria - commenta Chiara Francesconi, capogruppo del Partito Repubblicano in Consiglio comunale a Ravenna e candidata alle prossime elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 - Tutto questo rientra nell’obiettivo strategico di innovazione e competitività del sistema economico produttivo e, in accordo con il tavolo provinciale delle associazioni imprenditoriali di Ravenna, definisce azioni a sostegno dei settori produttivi e promuove l’impegno congiunto per progettare un futuro che dobbiamo costruire tutti insieme, dagli amministratori ai cittadini. La pandemia ha inferto un colpo durissimo a tutto il nostro tessuto economico, e tra tutti quello del settore della somministrazione di cibi e bevande è uno di quelli che più hanno sofferto. Esercizi che, specie nel forese, sono veri e propri presidi di socialità. Ora abbiamo la possibilità di ripartire e di rilanciarci. Per puntare ad un futuro migliore di quello che era il passato pre-pandemico, c’è bisogno di una Amministrazione comunale pronta ad investire in aiuti e sostegni. Il tutto nella convinzione che questi contributi si trasformino in strumenti non solo di ripartenza, ma in assoluto di miglioramento per progredire e vincere nuove sfide. In senso metaforico, se necessita carburante per riavviare il motore, ben venga un primo rifornimento dalla sfera pubblica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

53mila euro di aiuti ai circoli ricreativi, Sbaraglia (Pd): "Risultato importante"

RavennaToday è in caricamento