menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appartamenti e negozi nell'area Cmc in Darsena: "Prezzo sanguinoso pagato dalla città"

Ancisi (LpRa): "Una profonda riduzione del suo orizzonte e delle sue prospettive, che si abbatte sul risicato fronte economico della nostra città"

La "festa" della Cmc per la vendita di tutta la sua proprietà di via Trieste dove storicamente ha avuto la propria sede, centro di un’impresa di rango mondiale, pare "del tutto fuori posto" al capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi, che commenta: "Significa una profonda riduzione del suo orizzonte e delle sue prospettive, che si abbatte sul risicato fronte economico della nostra città. Con tutti gli eccessi e le arroganze da padre padrone su cui sono stati improntati i suoi rapporti col territorio e la comunità locale, senza dimenticare l’angoscioso usa e getta della propria base sociale operaia all’atto della crisi fallimentare, nessuno può negare la grande funzione propulsiva e di supporto che la Cmc ha svolto ultra secolarmente sul tessuto economico-sociale della collettività ravennate. Il compratore predestinato, nella persona dell’amministratore delegato della Cia (alias Conad), non è stato più moderato nel decantare, quasi assumendo la veste di nuovo padre padrone, le mirabilia del proprio progetto, riassunte nell’“obiettivo di promuovere lo sviluppo commerciale e residenziale” insieme a quello “di incentivare una forte presenza di servizi di pubblica utilità”.

"Occorre dunque spiegare meglio di cosa si tratti, cominciando col dire che di una nuova valanga di appartamenti con grandi strutture commerciali questa città non ha assoluto bisogno - punta il dito il consigliere d'opposizione - Altre tre sono concentrate nel medesimo territorio della Darsena. La più avanzata è il vicinissimo Parco commerciale Teodora, tra viale Europa e via Canale Molinetto, inseguito a ruota dalla lottizzazione della stessa Conad in atto tra via Canale Molinetto e via Antica Milizia, e da quella intorno al futuro Parco Cesarea, tra viale Europa e via Antica Milizia. Solamente da queste, per non dire della lunga serie programmata dal Comune di Ravenna di stampo Pd in altre zone della città, usciranno non meno di 29mila metri quadrati di aree commerciali, con le relative tre grandi strutture. Che se ne insedino per altri 10mila metri quadrati nell’ex Cmc a chi giova? Non certo alla cittadinanza, tanto meno ai piccoli e medi commercianti, ai loro dipendenti, alle loro famiglie. Il secondo business, pari a 7mila metri quadrati di abitazioni, concentrate in altezza sul fronte del canale Candiano si aggiunge ai 63mila metri quadrati delle due lottizzazioni sui lati di via Antica Milizia. Sette ettari in tutto. Neanche a New York".

"A tale nuova “forte presenza” di commercio e residenza, la vantata “forte presenza di servizi di pubblica utilità per tutta la cittadinanza” si riassume in 7.500 metri quadrati di parcheggi e in 13mila di verde, questi particolarmente positivi, oltre al recupero archeologico della storica sede Cmc e a quello, finora solo prospettato, dell’ex Sigarone - conclude Ancisi - Seguiremo tutto con attenzione e vigilanza. Ma il prezzo pagato dalla nostra città è sanguinoso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento