La Pigna: "Approfondire i fondali del Candiano al più presto per aumentare la sicurezza al porto"

Veronica Verlicchi presenta un question time in consiglio sull'urgenza di approvare il progetto di approfondimento dei fondali del Candiano al fine di garantire lo sviluppo delle attività e dell'occupazione e sulla sicurezza dei lavoratori portuali

Veronica Verlicchi, capogruppo in consiglio della lista La Pigna, martedì pomeriggio presenterà un question time in consiglio sull’urgenza di approvare il progetto di approfondimento dei fondali del Candiano al fine di garantire lo sviluppo delle attività e dell’occupazione e sulla sicurezza dei lavoratori portuali. "Le recentissime notizie legate alla preoccupante riduzione della movimentazione delle merci nel Porto di Ravenna del primo trimestre 2017 (-5% delle tonnellate merci e -8% delle navi in ingresso) già si stanno riflettendo anche sul minor impiego di lavoratori, soprattutto quelli legati alle agenzie di lavoro temporaneo. Lo stallo e la perdurante immobilità delle scelte di investimento del Porto di Ravenna, la cui responsabilità è legata alla “cacciata“ dell’ex presidente dell’Autorità Portuale Galliano Di Marco e alla sua sostituzione col commissario Giuseppe Meli prima e col nuovo presidente Daniele Rossi, sta facendo perdere competitività al nostro Porto, i cui effetti e conseguenze negative si evidenzieranno  nel prossimo futuro. Il sindaco De Pascale ha inviato, unitamente al Prefetto Francesco Russo, una missiva al presidente Rossi e a Confindustria Romagna, sollecitando un rapida intesa entro e non oltre il 20 luglio 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il tema della sicurezza nel Porto di Ravenna è davvero un tema urgente, come purtroppo dimostra la vicenda di un lavoratore deceduto il 13 aprile nel piazzale di Setramar spa - continua Verlicchi- Il porto di Ravenna è una delle principali componenti dell’economia ravennate e pertanto va immediatamente salvaguardato attraverso la scelta degli investimenti legati all’escavo dei fondali del Canale Candiano, utilizzando i 220 milioni di euro a disposizione dell’Autorità Portuale. Chiediamo dunque al sindaco se sia a conoscenza dell’eventuale progetto di  escavo dei fondali del Canale Candiano o dell’orientamento su quale progetto l’Autorità Portuale si avvia a deliberare, e se sappia
quali lavori del Piano Operativo Triennale 2017-2019 dell’Autorità Portuale saranno avviati entro il 2017 (per un valore stimato di 40,5 milioni di euro) e quali aree saranno interessate per lo smaltimento dei materiali oggetto dell’approfondimento del Canale Candiano e per lo svuotamento delle casse di colmata, oggi peraltro senza autorizzazione. Quali sono i motivi a conoscenza del sindaco che inducono Confindustria Romagna a non rinnovare il Protocollo della Sicurezza del lavoro nel porto e qual è il suo giudizio?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • Colpiti da un'auto mentre vanno in bici: due ciclisti in ospedale

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Aggressione a colpi di coltello in pieno centro città: uomo in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento