rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Politica

'Ravenna città libera dal fumo', il medico-consigliere: "Combattiamo l'adesione a questo vizio"

Martedì in consiglio comunale a Ravenna è stato votato dai consiglieri di Pd, Lista De Pascale Sindaco, Ravenna Coraggiosa, Partito Repubblicano e Movimento 5 Stelle l’ordine del giorno “Ravenna città libera dal fumo”

Martedì in consiglio comunale a Ravenna è stato votato dai consiglieri di Pd, Lista De Pascale Sindaco, Ravenna Coraggiosa, Partito Repubblicano e Movimento 5 Stelle l’ordine del giorno “Ravenna città libera dal fumo”. "Quando si parla di lotta al fumo sembra che gli interlocutori coinvolti siano essenzialmente due: il popolo dei fumatori e quello dei non fumatori - commenta il consigliere del Partito Democratico Marco Montanari, medico dell’ospedale di Ravenna - Eppure esiste un altro interlocutore di cui raramente si parla: l’industria del fumo che investe ogni anno, a livello globale, nove miliardi di dollari in pubblicità e azioni atte a limitare gli sforzi per introdurre misure di tutela per la salute pubblica. Storicamente l’industria del tabacco ha cercato di inficiare ogni pubblicazione scientifica che andasse a descrivere le conseguenze nocive del fumo. Nel 2021 un’analisi dettagliata sulle ingerenze dell’industria del tabacco nelle politiche pubbliche ha mostrato come l’Italia sia uno dei paesi più esposti a livello globale. Parlare degli effetti nocivi del fumo annoia ed è ridondante e di certo non è la strategia da perseguire, almeno per il soggetto adulto. Fumare rappresenta un vizio, ovvero l’abitudine radicata che provoca nell’individuo il bisogno morboso di qualcosa che può essere nocivo. E se Il singolo individuo reclama la propria libera scelta, le istituzioni hanno invece il dovere di orientare le buone pratiche".

"“Città libera dal fumo” è dunque un ulteriore passaggio in un percorso culturale che nasce da lontano e di cui abbiamo bisogno - continua Montanari - Per la prima volta da 16 anni c’è un aumento dei fumatori in Italia. Si parla di un fenomeno che riguarda il 24,2% della popolazione con 800.000 fumatori in più in Italia (+2%) secondo la più recente indagine dell’Istituto Superiore di Sanità. Il numero dei fumatori in Italia era sempre calato dal 2005, anno in cui la Legge Sirchia aveva vietato il fumo nei luoghi pubblici e al chiuso. Fu una legge all’avanguardia che suscitò reazioni contrastanti nell’opinione pubblica e incontrò l’opposizione delle lobby degli esercenti e dei produttori. Eppure nel giro di poco accendere una sigaretta in un luogo chiuso è stato considerato un comportamento universalmente condannato. Questo è l’invito che rivolgo ai nostri concittadini fumatori di fronte a questo percorso per “Ravenna, città libera dal fumo”: fare in modo che quello che oggi può sembrare non condivisibile sia presto, e con piccolo sforzo, abitudine e consuetudine. Per una città più bella, più pulita, più salubre e abitata da cittadini che riconoscono il valore delle buone pratiche e del ruolo delle istituzioni nel determinarle. Ognuno può liberamente essere un fumatore e, nello stesso tempo, orgoglioso di una città che combatte l’adesione a questo vizio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ravenna città libera dal fumo', il medico-consigliere: "Combattiamo l'adesione a questo vizio"

RavennaToday è in caricamento