Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica

Sanità, il sindaco De Pascale: "Su chirurgia nessun declino"

Il sindaco Michele De Pascale ammette che ci sia una certa mobilita' dei ravennati per interventi di bassa complessita' su cui intervenire. Ma nessun allarme

Nella chirurgia ravennate finiscono sotto i ferri in circa 1.100 ogni anno. Un trend stabile ma che va migliorato. Rispondendo martedì pomeriggio in consiglio comunale a Ravenna a un'interrogazione di Forza Italia sul "declino" di Chirurgia all'ospedale Santa Maria delle Croci, il sindaco Michele De Pascale ammette che ci sia una certa mobilita' dei ravennati per interventi di bassa complessita' su cui intervenire. Ma nessun allarme. D'altronde, quando il direttore generale dell'Ausl Romagna, Marcello Tonini, illustro' a Palazzo Merlato il riordino della rete ospedaliera, evidenzio' che una volta chiarite tutte le vocazioni distintive, era necessario porre il tema di chirurgia generale. Cosi' "per oncologica non invasiva Ravenna e' l'hub, per l'attivita' chirurgica oncologica Forli'".

A livello di drg, prosegue, "abbiamo un dato consolidato", intorno alle 1.100 all'anno. "Non c'e' un calo di interventi", dunque, anche se si potrebbero alzare i livelli. Inoltre c'e' il problema degli appoggi a Medicina interna, che si auspica di risolvere con i 20 posti aggiuntivi. De Pascale infine invita a non parlare di declino. "Attorno alle dinamiche dei pazienti nello scegliere un presidio e' significativa la percezione. C'e' una situazione stabilizzata, i ravennati non stanno scappando". Certo, ribadisce, "dobbiamo fare risalire i numeri dal punto di vista di chirurgia. Abbiamo bisogno di qualificare la sanita' ravennate e fare in modo che i cittadini si fidino". (fonte Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, il sindaco De Pascale: "Su chirurgia nessun declino"

RavennaToday è in caricamento