menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spazio marittimo, Bessi (Pd): “Va presentato il Piano di gestione del mare, la Regione dica a che punto siamo”

Il consigliere regionale democratico chiede inoltre "se tale pianificazione preveda anche la progettazione e realizzazione di centrali eoliche offshore"

Il punto sulla Pianificazione dello Spazio marittimo in Emilia-Romagna e l’eventuale realizzazione di centrali eoliche offshore sono i temi affrontati da Gianni Bessi (Pd) in una interrogazione alla Giunta. All’esecutivo regionale il consigliere Dem chiede quale sia "lo stato della Pianificazione dello spazio marittimo con specifico riferimento ai principali obiettivi di pianificazione e gestione individuati per i diversi settori e aspetti di uso del mare e della costa" nonché "se tale pianificazione preveda anche la progettazione e realizzazione di centrali eoliche offshore". Bessi, inoltre, vuole sapere “a che punto sia la definizione del Piano di gestione dello spazio marittimo di cui al d.lgs 201/2016, visto il lavoro del Comitato tecnico istituito presso il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e visto che gli Stati membri dell'Unione europea sono tenuti a stabilire detti piani entro il 31 marzo 2021”.

La Direttiva europea 2014/89, recepita dall’Italia, prevede che entro il 2020 siano adottati “piani dello spazio marittimo per tutte le acque e i fondali su cui l’Italia ha giurisdizione”. La normativa Ue vuole promuovere la crescita sostenibile delle economia marittime, lo sviluppo delle zone marine e ridurre i conflitti fra le molte attività che coinvolgono il mare (pesca, navigazione, tutela della natura, produzione energetica).

Gianni Bessi ricorda che un Comitato tecnico, al Ministero, sta redigendo i Piani di gestione dello spazio marittimo. La Regione “grazie ai progetti elaborati e la consistente quantità di dati raccolti, ha potuto attivare - prima fra le Regioni italiane - un processo finalizzato alla Pianificazione dello Spazio Marittimo” come chiesto dalla Ue. Attraverso progetti, l’Emilia-Romagna ha cercato “di sviluppare un sistema di governance per l’uso degli spazi marittimi e costieri”. Infine, conclude il consigliere del Pd, “la Regione Emilia-Romagna, fortemente impegnata a garantire una “Crescita blu” rispettosa dell’ambiente e della biodiversità marina, per affrontare il nuovo traguardo richiesto dalla direttiva UE ha aderito (con DGR 2274/2016) alla proposta di collaborazione del CNR-ISMAR per affrontare uno studio propedeutico per la Gestione Integrata della Zona Costiera e della Pianificazione dello Spazio Marino (ICZM-MSP)”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento