Cronaca Cervia

17 lavoratori verso il licenziamento, nessun dietrofront: scatta lo sciopero in azienda

I diversi incontri nei vari tavoli non hanno portato a nessun avanzamento nella trattativa in merito alla vertenza in atto

Dopo l'annuncio dell'apertura della procedura di licenziamento collettivo di 17 lavoratori dello stabilimento Essentra Packaging di Cervia, i lavoratori e le organizzazioni sindacali, a seguito dell’incontro avvenuto mercoledì tra le organizzazioni sindacali e l'azienda, prendono atto che i diversi incontri nei vari tavoli non hanno portato a nessun avanzamento nella trattativa in merito alla vertenza in atto.

L’assemblea dei lavoratori svoltasi giovedì ha discusso della "mancanza di un riscontro alle istanze ribadite in tutti i tavoli di confronto, ovvero la richiesta di attivazione di strumenti alternativi ai licenziamenti collettivi o che, comunque, ritardino le eventuali procedure di licenziamento. Pertanto, dando seguito a quanto deliberato dall’assemblea del 4 agosto, i lavoratori, non intravedendo altre azioni alternative per sbloccare la situazione di stallo creatasi, intendono proseguire nel percorso di lotta. La rappresentanza e le organizzazioni sindacali hanno ribadito la richiesta di revoca della procedura di licenziamento collettivo in atto e l’invito all’utilizzo degli ammortizzatori sociali conservativi ordinari e/o straordinari".

"L’azienda ha confermato la posizione di chiusura nei confronti delle richieste sindacali emerse e approvate dall’assemblea con i dipendenti. E’ stato ribadito da parte aziendale che la grave crisi strutturale e i motivi specificati nella lettera di apertura della procedura di licenziamento collettivo rendono necessaria e imprescindibile la decisione di procedere unilateralmente con il licenziamento del personale dichiarato in esubero, ritenendo qualsiasi ammortizzatore sociale conservativo non idoneo a risolvere un problema strutturale".

I sindacati quindi hanno deciso di proclamare due giorni di sciopero da giovedì 9 a venerdì 10 settembre su tutti i turni a seguito dello stato di agitazione dichiarato il 4 agosto. "Qualora l'azienda si trovasse nelle condizioni di rivedere le posizioni in merito alla procedura di licenziamento collettivo in atto, le organizzazioni interromperanno l’azione di lotta intrapresa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

17 lavoratori verso il licenziamento, nessun dietrofront: scatta lo sciopero in azienda

RavennaToday è in caricamento