menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagnacavallo, è in preparazione la riapertura del Parco delle Cappuccine

Al sopralluogo erano presenti gli assessori Monica Poletti e Vilio Folicaldi e alcuni volontari

Si è svolto questa mattina il sopralluogo per la riapertura primaverile del Parco delle Cappuccine, prevista per il 6 aprile. Lo spazio verde nel cuore di Bagnacavallo è gestito da associazioni e cittadini volontari assieme al Comune grazie a un patto di collaborazione.

Al sopralluogo erano presenti gli assessori Monica Poletti e Vilio Folicaldi e alcuni volontari. Sono stati condivisi i lavori di manutenzione del verde da eseguire in previsione della riapertura e si sono prese in esame migliorie agli arredi e alle dotazioni del parco. Si è inoltre parlato di eventi e iniziative che si potranno realizzare all’interno del parco nei prossimi mesi, a partire da maggio con gli appuntamenti di Città dei bambini e l’evento Inalberiamoci, percorso in bicicletta alla scoperta degli alberi del territorio che partirà proprio dal Parco delle Cappuccine.
Il parco delle Cappuccine, annesso all’omonimo centro culturale che ospita museo, biblioteca e archivio storico, viene aperto grazie al contributo dei volontari da aprile a ottobre. È frequentato da famiglie con bambini, anziani, studenti e gruppi di cittadini che  possono giocare, riposarsi, leggere, chiacchierare. Nel periodo di apertura ospita inoltre eventi per bambini e adulti, nonché la rassegna estiva Bagnacavallo al cinema, curata dal Cinecircolo Fuoriquadro per il Comune nei mesi di giugno, luglio e agosto.

Dal 2019 si erge al suo interno il Monumento al Cadere, intervento urbano promosso dal Comune e curato dall’artista bagnacavallese Stefania Galegati per rendere omaggio al grande pioppo bianco abbattuto nel parco da una tempesta di vento.

Il patto è stato sottoscritto dal Comune di Bagnacavallo e dai volontari delle associazioni Coordinamento per la Pace Bagnacavallo, Cercare la Luna, Help for Family, Pro Loco, HumuSapiens, Bagnagas, Lestes, Jam Salam, Amici di Neresheim e Legambiente, ai quali si sono aggiunti operatori e ospiti della residenza Casa Sintoni di Bagnacavallo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento