menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

A 24 ore dalla tragedia di Lido di Classe una bimba rischia di annegare: salvata

L'episodio si è consumato domenica pomeriggio, intorno alle 14.30, nello specchio di acqua antistante il "Bagno Marea Beach", a Lido di Savio

A 24 ore di distanza dalla tragedia costata la vita ad Andrei Claudiu Pop, 28enne di origine romena residente a Forlì, si è sfiorato un altro dramma sulla costa ravennate. Fondamentale è stato l'intervento di due ragazzini di 13 anni, che hanno notato la scena e tratto in salvo una bimba di 8 anni di nazionalità kosovara che si trovava in difficoltà mentre stava facendo il bagno. L'episodio si è consumato domenica pomeriggio, intorno alle 14.30, nello specchio di acqua antistante il "Bagno Marea Beach", a Lido di Savio.

La piccola è stata subito portata a riva, dove gli "angeli rossi" hanno praticato le manovre di primo soccorso in attesa dell'arrivo dei sanitari del 118. Il personale di "Romagna Soccorso" ha operato con un'ambulanza e l'elimedica. La bimba è stata poi trasportata all'ospedale "Santa Maria delle Croci" di Ravenna col codice di massima gravità. Per accertare i fatti sono intervenuti i militari della Capitaneria di Porto. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la piccola stava giocando col fratello in acqua quando è stata sorpresa da un'onda, finendo sott'acqua e bevendo. Immediato anche l'intervento del personale di salvataggio, ma fortunatamente le sue condizioni non destano preoccupazioni. E' stata ricoverata in osservazione nel reparto di Pediatria.

Il fatto è avvenuto all'indomani della tragedia consumatasi a Lido di Classe, dove il 28enne Andrei Claudiu ha trovato la morte inghiottito dalle onde. Il dramma si è consumato sotto gli occhi degli amici, con i quali aveva scelto di farsi un bagno nel tratto di spiaggia libera a poca distanza dal Bagno Go-Go. Le onde avevano spinto il corpo esamine del giovane nei pressi della vicina scogliera. Portato a riva dal personale addetto al salvataggio, che in quel momento stava osservando un momento di pausa, a nulla sono valse le manovre di rianimazione, portate poi avanti anche dai sanitari del 118. Probabilmente il ragazzo era già morto in acqua.

Foto di repertorio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento