Cronaca

Cervia, in biblioteca mostra con gli elaboratori degli studenti sulla legalità

Il progetto Coordinato dal Polizia Locale con il supporto della Biblioteca Comunale ha mirato alla responsabilizzazione dei minori come cittadini fornendo loro gli strumenti per   la conoscenza della propria realtà

Da lunedì  alle 14.30 alla Biblioteca "Maria Goia" di Cervia sarà possibile visitare la mostra "Obiettivo Legalità" che raccoglie il materiale realizzato dalle scuole per l'omonimo progetto e rimarrà aperta al pubblico fino a sabato 1 giugno. "Obiettivo Legalità" è stato realizzato nell’ambito di un percorso che ha coinvolto tutte le scuole alla base dell’accordo di Programma del Comune di Cervia con la Regione Emilia-Romagna sostenuto dalla Legge regionale 18/2016. 

Il progetto Coordinato dal Polizia Locale con il supporto della Biblioteca Comunale ha mirato alla responsabilizzazione dei minori come cittadini fornendo loro gli strumenti per   la conoscenza della propria realtà; l’analisi delle problematiche sociali ad essa relative; la lettura critica dei comportamenti sociali illegali, dei messaggi, della storia e delle modalità di azione e manifestazione del sistema mafioso .   I ragazzi hanno imparato a rapportarsi alle istituzioni; favorire l’integrazione e la socializzazione dei minori con difficoltà contrastando i fenomeni di  emarginazione;  sviluppare coinvolgimento sociale, senso di giustizia ed il rispetto delle leggi. 

La mostra comprende le immagini realizzate dai ragazzi delle scuole primarie e secondarie del territorio, i video realizzati dalle classi quinte dell'IPSSAR e delle scuole primarie di Castiglione e Tagliata ed il collage multimediale della classe quinta della scuola Spallicci. Sarà inoltre disponibile il materiale realizzato per il progetto dell'anno passato.

Gli orari di visita sono: da lunedi a giovedi 9-13.30 e 14.30-18.30, venerdì 9-13.30, sabato 9-13. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cervia, in biblioteca mostra con gli elaboratori degli studenti sulla legalità

RavennaToday è in caricamento