rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Cronaca

Daini di Classe, una manifestazione in piazza per chiedere misure di contenimento ecologiche

La rete animalista organizza l'iniziativa per chiedere alla Regione che vengano installati dissuasori sonori e luminosi per evitare incidenti stradali sull'Adriatica

"Sono già 600 le mail inviate agli indirizzi di Anas ed uffici comunali, provinciali e regionali per chiedere che lungo le strade che costeggiano il Parco dove vivono i daini a Classe e a Lido di Volano vengano installati dissuasori sonori e luminosi e cartellonistica adeguata, al fine di prevenire incidenti che la Regione imputa ai daini". Lo afferma la Rete a tutela dei daini di Classe e di Lido di Volano che organizza sabato 19 novembre, dalle 16 alle 19 in Piazza del Popola a Ravenna una manifestazione per richiedere metodi ecologici e la cancellazione della delibera regionale 140/2021.

"Da documenti e risposte intercorse a molteplici interrogazioni della consigliera Giulia Gibertoni (Gruppo Misto), i dati sugli incidenti imputabili a fauna selvatica in generale lungo la Statale Adriatica a Ravenna (arteria trafficatissima) sono in percentuali irrisorie - spiega la rete animalista - Ciò nonostante i cittadini e le Associazioni chiedono da anni che vengano installati dissuasori dotati di sensori che impediscano anche a pochissimi daini ed altri animali di spingersi oltre i bordi della strada, per prevenire anche i pochissimi incidenti. Le misure, ove attuate, hanno di fatto azzerato gli incidenti da fauna selvatica".

"L’assessore regionale alla caccia e all’agricoltura Alessio Mammi, assieme al Presidente Bonaccini e alla Giunta intera, se da una parte accusa i daini di incidenti che poi si rivelano quasi nulli, dall’altra promette da anni un Piano per la sicurezza stradale, in concerto con gli Enti preposti, che non ha mai visto la luce - prosegue la rete a tutela dei daini - Evidentemente la preoccupazione per la sicurezza degli automobilisti non assilla i nostri amministratori, concentrati nel cercare scuse per eradicare i daini e la fauna selvatica tutta invece di attuare soluzioni efficaci e sensate".

Da parte sua, Anas avrebbe risposto alle mail di protesta con una nota in cui sottolinea di avere già apposto cartellonistica. Tuttavia gli animalisti ritengono "che questa non sia adeguata né sufficientemente visibile, quindi chiediamo di intervenire su questo aspetto e di installare velox per la limitazione della velocità nei tratti più trafficati; Anas già in passato ha affermato di avere installato dissuasori lungo via dei Lombardi a Lido di Classe che, pur essendo semplici catadiottri hanno, secondo quanto affermato dall’Ente, azzerato gli incidenti".

"Chiediamo quindi, per l’ennesima volta, che la Regione si attivi seriamente e velocemente per coordinare un Piano di prevenzione degli incidenti lungo le arterie adiacenti il Parco e il pre Parco, a Classe come a Lido di Volano, che comprendano cartelli adeguati come numero e dimensioni, dissuasori efficaci, velox per la limitazione della velocità che, come noto, nei rettilinei è la prima causa di incidenti. A questo proposito - conclude la Rete delle associazioni a tutela dei daini di Classe e di Lido di Volano - è stata inviata richiesta formale ad Anas, provincia di Ravenna e Ferrara e comune di Ravenna per l’installazione di dispositivi a stimolazione sonora e luminosa, cartelli adeguati, attraversamenti verdi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Daini di Classe, una manifestazione in piazza per chiedere misure di contenimento ecologiche

RavennaToday è in caricamento