menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalla Regione 700mila euro per 48 progetti culturali in tutto il ravennate

È questo l’esito di due iniziative parallele a sostegno di progetti e iniziative di promozione culturale sia del settore pubblico che privato

Sono 48 i progetti finanziati in provincia di Ravenna, a cui vanno oltre 700mila euro di contributi provenienti da due distinti bandi regionali: uno promosso dall’Assessorato alla Cultura e l’altro dall’Istituto Beni Artistici Culturali e Naturali. È questo l’esito di due iniziative parallele (quelle appunto dell’Assessorato alla Cultura e dell’Ibc) a sostegno di progetti e iniziative di promozione culturale sia del settore pubblico che privato.

Più che soddisfatto il Consigliere Mirco Bagnari per cifre così importanti. “La Regione - afferma il consigliere ravennate - ha dato l’ennesimo segnale di grande vitalità e attenzione a progetti di promozione culturale, pubblici o privati che siano. Su queste basi, i finanziamenti riconosciuti alle realtà della nostra Provincia, sui quali spiccano i 17 progetti per un finanziamento complessivo che sfiora quota 300mila euro dei comuni della Bassa Romagna, testimoniano una volta di più la grande capacità progettuale unita ad una grande vitalità culturale dei nostri territori".

Bassa Romagna

Ammontano a 222mila euro i contributi regionali destinati ai Comuni della Bassa Romagna per il 2018 nell’ambito della legge regionale 18/2000, per sostenere i progetti destinati a valorizzare il patrimonio archivistico, museale e bibliotecario. Si tratta di una cifra quasi doppia rispetto a quelle ottenute nel biennio precedente: nel 2016 i finanziamenti furono di 130.170 euro, 147.170 euro nel 2017. 

"I fondi regionali vengono assegnati tenendo conto della validità dei progetti presentati - ha sottolineato Riccardo Francone, sindaco referente per la Cultura dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna - Questo significa che i Comuni del nostro territorio hanno saputo mettere a frutto le proprie peculiarità, per investire concretamente sullo sviluppo culturale, dimostrando ancora una volta come la Bassa Romagna sia caratterizzata da una cultura diffusa, in un territorio sempre più capace di fare sinergia e gioco di squadra e di come la Regione abbia intuito e premiato la solidità dei nostri progetti".

I fondi potranno finanziare fino al 50% dei costi previsti per i progetti presentati. Per quanto riguarda gli archivi, seimila euro sono destinati al Comune di Bagnara di Romagna per la realizzazione dell’archivio storico “Memorie dell’Italia Unita: dai documenti per fare esperienza della storia”; a Cotignola andranno invece 15mila euro per il nuovo allestimento dell’archivio storico comunale; a Bagnacavallo 7mila euro per l’archivio storico comunale Fototec@. Per quanto riguarda le biblioteche, 37mila euro sono destinati alla biblioteca “Fabrizio Trisi” di Lugo per l’adeguamento e l’implementazione delle dotazioni tecnologiche; 34mila euro andranno a un progetto presentato coralmente da tutti i Comuni della Bassa Romagna, per attività di educazione all’informazione e promozione della lettura nelle nove biblioteche comunali del territorio.

Sul fronte museale, 6mila euro sono destinati all’ecomuseo delle Erbe palustri di Villanova di Bagnacavallo per la riqualificazione tecnologica della sala immersiva dedicata all’ambiente vallivo; 15mila euro al museo civico delle Cappuccine di Bagnacavallo per la riqualificazione dell’area di accesso al museo; 10mila euro al Museo del castello di Bagnara di Romagna per la realizzazione del percorso museale “Dall’unità d’Italia al periodo post-bellico”; al museo civico di Fusignano andranno 30mila euro per l’ampliamento dello spazio museale; 20mila euro serviranno per il secondo lotto del nuovo allestimento di Casa Rossini, a Lugo; 27mila euro saranno utilizzati dal Comune di Massa Lombarda per la riqualificazione e il consolidamento del piano terra del museo della frutticoltura “Adolfo Bonvicini”; 15mila euro andranno per nuovi sistemi integrativi per la fruizione del circuito delle case museo dei poeti e scrittori della Romagna, di cui fa parte anche Alfonsine con Casa Monti, insieme ai Comuni di Forlì (capofila), Bellaria Igea Marina, Casola Valsenio, Cesena, Cesenatico e San Mauro Pascoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento