Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Di Martinelli il "miglior libro dell'anno" in Francia, il sindaco: "Porta il nome di Ravenna in primo piano"

"Le mie più sincere congratulazioni a Marco Martinelli che ancora una volta ci rende orgogliosi e porta il nome di Ravenna in primo piano grazie al prestigioso premio ricevuto da parte dell’Associazione nazionale dei critici francesi"

"Le mie più sincere congratulazioni a Marco Martinelli che ancora una volta ci rende orgogliosi e porta il nome di Ravenna in primo piano grazie al prestigioso premio ricevuto da parte dell’Associazione nazionale dei critici francesi, che ha scelto come Miglior libro dell’anno il suo ‘Aristophane dans les banlieues’. Un ulteriore importante riconoscimento per il lavoro che da anni Marco svolge con i ragazzi e le ragazze attraverso il progetto eccezionale della ‘Non scuola’, e più in generale per la sua capacità di trasformare l’esperienza teatrale in appassionati momenti di condivisione, unione e partecipazione che diventano spettacoli dal vivo di grandezza straordinaria come Cantiere Dante": lo scrive il sindaco Michele de Pascale..

Che continua: "I numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, come anche il prestigioso premio Franco Enriquez ricevuto di recente dall’Accademia Perduta, sottolineano ulteriormente la grandezza e la ricchezza professionale del sistema teatrale e del complesso della realtà dello spettacolo dal vivo ravennate: qualcosa di cui andare immensamente fieri, soprattutto dopo questo anno tanto difficile per i professionisti dello spettacolo".

 L’Associazione nazionale dei critici francesi ha scelto come “Miglior libro dell’anno” Aristophane dans les banlieues di Marco Martinelli (éd. Actes Sud, traduzione e cura di Laurence Van Goethem). Il volume è la versione in francese di Aristofane a Scampia, già uscito con Ponte alle Grazie nel 2016. La cerimonia dei prestigiosi premi 2020\21 (Palmarès des Prix de la critique de théâtre et de danse) - edizione numero 58 - che segnala gli spettacoli e le personalità artistiche emersi nella stagione teatrale in Francia, avverrà a Parigi, lunedì 11 ottobre, al Théâtre National de la Danse di Chaillot, uno dei quattro Teatri Nazionali della capitale.

Dal documento di lancio dei premi si legge che “più che mai, in un anno così particolare, la critica ha scelto volutamente titoli e figure di resistenza, per donare un messaggio forte e empatico allo spettacolo dal vivo rimasto fermo a causa della Pandemia e delle difficoltà scaturite dalla chiusura dei teatri”. Il premio a Martinelli per il “miglior libro” è andato in passato a importanti figure della scena teatrale internazionale: dallo studioso Georges Banu ai registi Claude Regy e Thomas Ostermeyer, fino al drammaturgo Jean-Luc Lagarce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Martinelli il "miglior libro dell'anno" in Francia, il sindaco: "Porta il nome di Ravenna in primo piano"

RavennaToday è in caricamento