Cronaca

Dipendenti Cmc bloccati in Kuwait: per riportarli a casa si attiva il Ministro Moavero

Il Ministro ha dato dunque istruzioni all'Ambasciata e ai competenti Uffici della Farnesina affinché continuino a seguire il caso con la massima solerzia e diligenza

Il Ministro degli Affari Esteri, Enzo Moavero Milanesi, sta seguendo con attenzione l'evoluzione della situazione che riguarda Andrea Urciuoli, il cesenate dipendente della Cmc di Ravenna bloccato a Kuwait city dalle autorità locali insieme al collega Ricardo Pinela a seguito di controversie legali insorte tra la ditta italiana e altre società operanti nel Kuwait. Il sindaco di Cesena Paolo Lucchi aveva scritto al Ministro proprio per chiedere un suo intervento, in modo da riportare a casa i due lavoratori.

I due dipendenti di Cmc bloccati in Kuwait: "Siamo ostaggi, chiusi in casa 24 ore su 24"

Urciuoli, insieme al collega portoghese, era stato arrestato con l'accusa di aver trafugato alcuni macchinari e dopo una notte di reclusione è stato scarcerato, ma resta trattenuto nel Paese mediorientale. Per questo l'Ambasciata d'Italia ad Al Kuwait, in stretto raccordo con la Farnesina, si è attivata sin dai primi momenti con le Autorità locali per assistere Urciuoli. Il ministro Moavero ha dato dunque istruzioni all'Ambasciata e ai competenti Uffici della Farnesina affinché continuino a seguire il caso con la massima solerzia e diligenza, avendo cura di tenere ben informati i familiari.

Il sottosegretario Morrone

"Capisco la preoccupazione dei famigliari e, soprattutto, l’angoscia della madre di Andrea Urciuoli, con la quale ho avuto un colloquio telefonico. Ho cercato per quanto possibile di rassicurarla: il Governo segue infatti con grande attenzione l’evolversi della situazione”: lo afferma Jacopo Morrone, sottosegretario alla Giustizia, che, insieme all’on. Guglielmo Picchi, sottosegretario agli Affari esteri, si è interessatodella vicenda che ha coinvolto due dipendenti della Cooperativa, il cesenate Urciuoli e il collega di origini portoghesi, Ricardo Pinela. “Lo stesso ministro degli Affari esteri, Enzo Moavero Milanesi, - ribadiscono i due sottosegretari -  ha assicurato di aver dato disposizioni all’ambasciata italiana in Kuwait, che ha assistito fin dall’inizio il nostro connazionale, e agli uffici competenti della Farnesina di monitorare con attenzione gli eventi, tenendosi in stretto contatto con la famiglia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendenti Cmc bloccati in Kuwait: per riportarli a casa si attiva il Ministro Moavero

RavennaToday è in caricamento