Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Divinacommedia, l'asteroide ''italiano'' dedicato a Dante Alighieri

L’International Astronomical Union (IAU) ha assegnato ufficialmente il nome al corpo celeste scoperto nel 2003 dall'astrofisico Gianluca Masi: una dedica speciale a 700 anni dalla morte del Sommo Poeta

In orbita attorno al Sole, da qualche parte nello spazio, c'è un asteroide a dir poco speciale, che celebra una delle icone dell’immenso patrimonio culturale italiano. L’International Astronomical Union (IAU) ha appena assegnato ufficialmente all’asteroide (65487) 2003 CD20 il nome “Divinacommedia”, su proposta dell’astrofisico Gianluca Masi, Responsabile Scientifico del progetto Virtual Telescope e Coordinatore per l’Italia di Asteroid Day, che ha co-scoperto quel corpo celeste nel febbraio 2003.

"Una denominazione che vuole celebrare il capolavoro universale di Dante Alighieri a 700 anni dalla morte - commenta Masi - un’opera che include molte delle più raffinate conoscenze astronomiche al tempo del Sommo Poeta, i cui riferimenti al cosmo sono protagonisti in alcuni dei versi più alti della Commedia". Proprio queste considerazioni sono alla base della proposta che Masi ha sottoposto al Working Group for Small Bodies Nomenclature dell’IAU, che l’ha approvata, rendendola infine pubblica lo scorso 16 giugno. Da quel momento, pertanto, il nome "Divinacommedia" entra ufficialmente nella nomenclatura astronomica. Il movente è da ricercarsi nella ricorrenza, quest’anno, dei 700 anni dalla morte del Padre della lingua Italiana. "Ho sempre amato il capolavoro dell’Alighieri e ammirato la costante presenza del tema celeste in tutte le sue opere - commenta l’astrofisico Masi - sono particolarmente felice e grato al Gruppo di Lavoro della IAU per aver accolto la mia richiesta".

L’asteroide (65487) 2003 CD20 è stato scoperto la notte del 9 febbraio 2003, mentre Masi si trovava in Cile, con il collega René Michelsen. 2003 CD20 veniva subito notato da Masi in alcune immagini ottenute per misurare la posizione di un altro asteroide, quest’ultimo di tipo near-Earth. L’intruso risultava nuovo e riceveva così dal Minor Planet Center la designazione provvisoria 2003 CD20. Qualche anno dopo, raggiunta una buona conoscenza della sua orbita attorno al Sole, otteneva un numero definitivo, pronto a ricevere un nome. Ora esso è arrivato e con quel nome verrà indicato in tutti gli archivi, le banche dati e gli atlanti astronomici. "Divinacommedia" si trova mediamente a 381 milioni di km dal Sole, nella cosiddetta Fascia degli Asteroidi, impiegando quasi esattamente quattro anni per completare un’orbita attorno alla Stella del giorno. Ha un diametro stimato di circa 3 km e impiega quasi tre ore e mezza per ruotare su se stesso.

Del tutto causalmente, ma opportunamente, l’assegnazione del nome "Divinacommedia" a 2003 CD20 coincide con l’edizione 2021 di Asteroid Day, giornata internazionale degli asteroidi lanciata nel 2015 e dal 2016 giornata ufficiale delle Nazioni Unite. Essa si celebra ogni 30 giugno, data corrispondente all’anniversario del più grande impatto di un asteroide sulla Terra nella storia documentata, l'evento di Tunguska, in Siberia, avvenuto il 30 giugno 1908. "Condividere questa denominazione in occasione di Asteroid Day è particolarmente emozionante: ciò sottolinea come gli asteroidi, oltre al loro straordinario significato scientifico, abbiano un grande valore culturale", conclude Masi, Coordinatore per l’Italia di Asteroid Day. L’asteroide (65487) Divinacommedia verrà presentato da Gianluca Masi proprio il 30 giugno, nell’ambito dell’evento "Divinacommedia" e "Dante": viaggio tra gli asteroidi con il Sommo Poeta”, parte dell’iniziativa Asteroid Day Italia. Sarà possibile partecipare alla diretta streaming a partire dalle ore 19:00, attraverso il sito del Virtual Telescope Project.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Divinacommedia, l'asteroide ''italiano'' dedicato a Dante Alighieri

RavennaToday è in caricamento