Cronaca Faenza

L'importanza del dialogo familiare tra genitori e adolescenti

L'unione della Romagna Faentina ospiterà l'associazione "Ema Pesciolino rosso" e il suo fondatore, Gianpietro Ghidini, per raccontare il valore della vita partendo dalla storia di suo figlio Emanuele, morto a 16 anni dopo l'assunzione di sostanze stupefacenti

Mercoledì l'unione della Romagna Faentina ospiterà l'associazione "Ema Pesciolino rosso" e in particolare il suo fondatore, Gianpietro Ghidini, per raccontare agli adolescenti e ai genitori il valore della vita partendo dalla storia di Emanuele, un ragazzo morto a 16 anni dopo l'assunzione di sostanze stupefacenti. A seguito di questa drammatica esperienza, Gianpietro Ghidini, padre di Emanuele, porta la propria testimonianza per parlare a giovani e adulti delle opportunità e dei rischi della crescita, dell'importanza di tenere aperto il dialogo tra genitori e figli e per stimolarli nella ricerca della bellezza che è in ogni essere umano, perchè come dice Gianpietro "da ogni errore ci si può rialzare, la sofferenza e le difficoltà che incontriamo possono essere occasione di crescita".

In mattinata, alle ore 10.00 nell'aula magna dell'Itc Oriani (via Manzoni), Gianpietro incontrerà più di 400 ragazzi delle classi terze e seconde delle scuole secondarie di primo grado dell'unione della Romagna Faentina, mentre la sera terrà un incontro, dedicato in particolare ai genitori, presso Faventia Sales (via San Giovanni Bosco 1), alle ore 20.30. L’incontro - a ingresso libero e gratuito - si inserisce all’interno del progetto di prevenzione all’abuso di sostanze stupefacenti ed è stato promosso dalla scuola Bendandi in collaborazione con il Centro per le famiglie dell’unione della Romagna Faentina e l'assessorato all'istruzione e politiche giovanili del comune di Faenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'importanza del dialogo familiare tra genitori e adolescenti

RavennaToday è in caricamento