rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Cronaca

Lupi in Bassa Romagna, il vertice in Prefettura: "La convivenza è possibile"

La convivenza fra uomo e lupo è già stata “sperimentata” nell’Appennino Romagnolo negli ultimi 20 anni. Secondo gli esperti, i lupi scesi in pianura avrebbero trovato un nuovo tipo di preda: la nutria

La presenza dei lupi nell’area della Bassa Romagna preoccupa. Anche in seguito ai recenti attacchi documentati dalla Coldiretti, che parla di 4 attacchi agli allevamenti in meno di due settimane, il problema giunge all’esame del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si è riunito nella sede della Prefettura di Ravenna. All’incontro hanno partecipato, oltre al prefetto Castrese De Rosa, il sindaco del Comune di Conselice, in rappresentanza dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, i vertici territoriali delle forze di Polizia, i Carabinieri Forestali, la Polizia Provinciale e rappresentanti del Servizio Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Emilia-Romagna e dell’Ente Parco Delta del Po.

Nel corso della riunione è stato evidenziato che la presenza del lupo nel territorio della Bassa Romagna è dovuta ad un aumento generalizzato della popolazione italiana di questa specie e alla conseguente espansione dell’areale di distribuzione. "L’abbondanza di prede (principalmente caprioli e cinghiali) in Appennino, unitamente allo spopolamento della montagna hanno determinato, negli ultimi 20 anni, un costante aumento del lupo sulle montagne e colline italiane, che lo ha portato a ricolonizzare anche l’intero arco alpino - spiegano dalla Prefettura - Negli ultimi anni, essendo la specie strettamente territoriale e non potendo vivere gli esemplari giovani nel territorio dei genitori, i lupi hanno cominciato a ripopolare anche la pianura Padana, al seguito dei caprioli e dei cinghiali, anch’essi discesi in pianura. Hanno anche trovato un’altra preda, assolutamente nuova per la specie, ossia la nutria, il grosso roditore di origine americana che, nelle aree del Basso ferrarese, è divenuta la base della dieta del lupo".

E’ stato anche evidenziato dagli Enti preposti che il lupo è una specie rigorosamente protetta, ai sensi di convenzioni internazionali, direttive europee e leggi nazionali e regionali. La regolazione della popolazione di questa specie, al vertice assoluto dell’ecosistema europeo, si attua attraverso la gestione della disponibilità di risorse alimentari, con cui tutti i predatori all’apice della catena trofica sono in ineluttabile equilibrio. "La convivenza con il lupo è possibile - dichiara la Prefettura - ed è già stata “sperimentata” nell’Appennino Romagnolo negli ultimi 20 anni e, da alcuni anni a questa parte, anche in altre aree di bassa pianura della Regione Emilia-Romagna come nel Parmense e nel Reggiano, dove il lupo è regolarmente presente dal 2018. Ovunque si è assistito, inizialmente, a episodi di timore e insofferenza nei confronti della specie, ma i fatti hanno, in breve tempo, dimostrato che, adottando adeguati comportamenti, si riescono a risolvere tutte le difficoltà di convivenza".

Il prefetto De Rosa, alla luce di quanto emerso nel corso della riunione, ha chiesto di avviare una capillare campagna informativa sui corretti comportamenti da tenere nelle aree in cui il lupo è presente. A tal fine, è stato predisposto un “Vademecum informativo” redatto dall’Ente Parco Delta del Po e già utilizzato nella Bassa Ferrarese e in alcune zone del comune di Ravenna. L’opuscolo, condiviso da tutti i partecipanti, sarà diffuso online e sarà anche stampato e distribuito dai Comuni del territorio della Bassa Romagna, come espressamente richiesto dal Prefetto.

Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lupi in Bassa Romagna, il vertice in Prefettura: "La convivenza è possibile"

RavennaToday è in caricamento