menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morti per amianto, sindacati in piazza: "A Ravenna ha causato la morte di tanti lavoratori"

Una delegazione dell’Afeva (Associazione Familiari e Vittime Amianto) di Ravenna sarà a Roma, dove parteciperà alla manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil-Associazioni Amianto, con presidio al Mistero del Lavoro

Una delegazione dell’Afeva (Associazione Familiari e Vittime Amianto) di Ravenna sarà a Roma, giovedì 8 novembre, dove parteciperà alla manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil-Associazioni Amianto, con presidio al Mistero del Lavoro. "Abbiamo deciso di attivarci e manifestare - dice Idilio Galeotti, referente Afeva della provincia di Ravenna - per chiedere giustizia per le tante persone che si sono ammalate e in tanti casi morte per cause dovute all’amianto. Nello specifico chiediamo al Ministero del Lavoro che: nell'ambito della Legge di Bilancio siano approvate misure per gli ex-esposti amianto e gli ammalati da amianto; riconoscimento di tutte le esposizioni amianto ai lavoratori fino alla bonifica del sito; riapertura dei termini per la presentazione delle domande previdenziali bloccate al 2005; misure per garantirne il diritto, oggi costellato di difficoltà; riforma del Fondo Vittime Amianto, da subito rivalutazione dell'assegno alle vittime amianto non professionali da 5.600 a 12.000 euro; riconoscimento Inail di tutte le malattie professionali da amianto; aumento delle risorse per avere più personale Ausl di vigilanza dei cantieri di bonifica amianto. Inoltre a tutto il Governo chiediamo: la realizzazione del Piano Amianto Nazionale; la promozione di un Testo Unico Amianto, riaprendo, la consultazione sul testo elaborato nella scorsa legislatura".

"Tutto questo - conclude Galeotti - mentre si è riaperto l’iter giudiziale nell’appello per le morti del petrolchimico a Ravenna. A questo proposito non intendo entrare nel merito dell’attività processuale, ma penso che ammalarsi e morire per cause dovute al lavoro sia la più grande ingiustizia che una persona possa subire, e a Ravenna sono tante le persone morte per malattie provocate dall’amianto. Proprio per questo, spero possano trovare il giusto riconoscimento e dignità anche da questo appello processuale. Come Associazione Familiari e Vittime Amianto, siamo presenti con sportelli aperti tutti i giorni, nelle sedi Cgil di Ravenna in via Matteucci 15 e a Faenza in via Chiarini 12, nei quali siamo disponibili ad ascoltare, dare consigli e altro, a tutte le persone che vorranno fare parte della nostra associazione e intendono occuparsi delle problematiche derivate dall’amianto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento