rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Centro / Piazza San Francesco, 1

Avvisa la polizia, subito dopo il folle gesto: spara alla moglie e si toglie la vita con la stessa arma

Secondo quanto ricostruito dai primi atti di indagine l'uomo, 77 anni, avrebbe fatto fuoco contro la moglie, 71 anni, per poi togliersi la vita, all'interno della villetta unifamiliare

Aggiornamento: indagini definite sulla morte di Viviana e Alvaro

E' stata una pistola l'arma che ha tolto la vita ai due anziani conviventi, i cui corpi sono stati ritrovati martedì mattina a Cotignola. Secondo quanto ricostruito dai primi atti di indagine l'uomo, Alvaro Strocchi di 77 anni, avrebbe fatto fuoco contro la moglie, Viviana Farolfi di 71 anni, per poi togliersi la vita, all'interno della villetta unifamiliare di via San Francesco 1. E' stato lui stesso, intorno alle 8 di mattina, a confessare con una chiamata ad un numero di emergenza pubblica l'avvenuto omicidio della moglie, annunciando inoltre il proprio suicidio. All'arrivo della polizia non c'era già più niente da fare per entrambi.

Omicidio-suicidio: il dramma a Cotignola (fotoservizio di Massimo Argnani)

Sul posto è arrivata la Polizia di Stato, con la Squadra Mobile e il pubblico ministero di turno Stefano Stargiotti, per le attività di indagine, repertando quanto trovato all'interno dell'abitazione di collegato al delitto, in particolare l'arma, secondo i primi riscontri legalmente detenuta con una licenza sportiva. I corpi sono stati ritrovati entrambi nella camera da letto. Non c'erano biglietti che dettagliassero le motivazione del gesto. I vicini non avrebbero udito spari, ma si sarebbero resi conto dell'accaduto dall'arrivo di ambulanza e volante della polizia.

Da ricostruire le cause che avrebbero condotto a questo folle gesto. I vicini indicano che Strocchi si lamentava per una patologia dolorosa che lo aveva colpito, ma risultava fisicamente in forze, mentre la moglie era stata colpita da un ictus circa un anno fa, che l'aveva costretta inizialmente su una sedia a rotelle, per poi passare però ad un deambulatore. I vicini, infine, spiegano di aver visto la coppia, che vive sola nella villetta della periferia di Cotignola, nella giornata festiva di lunedì, vedendoli andare via in macchina guidata dallo stesso Strocchi. 

Entrambi erano operai pensionati. L'uomo aveva lavorato in un deposito di bombole di gas poco distante, mentre la donna era stata anche volontaria nell'organizzazione delle feste di paese. Appena il mese scorso era avvenuto a Ravenna un episodio simile: il 10 marzo, infatti, il 77enne Claudio Cognola tolse la vita alla moglie Maria Ballardini, 82 anni, nella loro abitazione di via Gardella. In quel caso l'uomo aveva ucciso la moglie a coltellate, per poi suicidarsi gettandosi dal balcone. Morì alcuni giorni dopo in ospedale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvisa la polizia, subito dopo il folle gesto: spara alla moglie e si toglie la vita con la stessa arma

RavennaToday è in caricamento