Cronaca

Sciopero generale, il personale sanitario incrocia le braccia. Assicurati i servizi essenziali

Lo sciopero è stato indetto dall'Unione Sindacale di Base per venerdì 26 marzo. Garantite le prestazioni indispensabili e non dilazionabili

Il personale sanitario si ferma e incrocia le braccia. E' stato indetto per l’intera giornata di venerdì 26 marzo, dall'Unione Sindacale di Base, lo sciopero generale regionale di tutto il personale del Servizio Sanitario Nazionale, delle Aziende di sanità privata, Aziende pubbliche di Servizi alla Persona (ASP), Cooperative sociali, associazioni e società operanti anche in appalto, concessione e in accreditamento nei servizi sanitari e socio sanitari.

Nella giornata dello sciopero saranno assicurati i servizi pubblici essenziali, nel rispetto della vigente normativa, attraverso l’individuazione dei contingenti minimi di personale a garanzia delle prestazioni indispensabili e non dilazionabili, equivalenti ai servizi minimi assicurati normalmente nei giorni festivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero generale, il personale sanitario incrocia le braccia. Assicurati i servizi essenziali

RavennaToday è in caricamento