rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cronaca

Droni a tutela della natura: la società ravennate e Legambiente insieme per la difesa degli animali selvatici

Una collaborazione che permetterà di controllare le aree protette attraverso l'utilizzo dei droni. Nella fase sperimentale sono state svolte 27 missioni per oltre 451 ore complessive di monitoraggio

“Oggi è una giornata speciale, grazie alla collaborazione tra Italdron Academy e Legambiente prende definitivamente corpo una rafforzata e costante azione a difesa degli animali selvatici e dell’ambiente” così dichiarano i rappresentanti di Legambiente e Italdron Academy per presentare i risultati del progetto pilota e il lancio della fase operativa. La collaborazione tra Italdron Academy e Legambiente è stata costruita partendo da uno specifico progetto pilota volto a verificare il miglior utilizzo degli UAS (Droni) nella vigilanza ambientale per il contrasto agli illeciti ambientali, progetto durato oltre un anno e conclusosi questa estate.

Durante la sperimentazione svolta con le Guardie Ecologiche Volontarie di Legambiente Ravenna, di un team scientifico di esperti faunisti di Legambiente e con la collaborazione sinergica dei Carabinieri Forestali della Provincia di Ravenna, sono state svolte 27 missioni operative per oltre 451 ore complessive di monitoraggio nelle diverse condizioni meteoclimatiche riscontrate nelle quattro stagioni e in un territorio, quello che va dall’Appennino Romagnolo al tratto del Fiume Reno che lambisce le Valli di Comacchio, dalle molteplici caratteristiche paesaggistiche e geomorfologiche e dalla presenza di aree protette di elevato pregio conservazionistico.

Dalle esperienze raccolte, si può affermare che i droni/UAS nella Vigilanza Ambientale possono essere considerati un potente strumento sinergico, a volte insostituibile, per una moltitudine di casi e di ambiti analizzati nel corso della sperimentazione per il contrasto agli illeciti ambientali di varia natura. Tanti i vantaggi rispetto al convenzionale impiego di pattuglie motorizzate: maggiori garanzie di sostenibilità ambientale (nessun inquinamento dell’aria, bassissimo livello di inquinamento acustico), maggiore focalizzazione dell’intervento delle pattuglie terrestri, mirate in funzione della posizione e del tipo di illecito rilevato, acquisizione di prove fotografiche o video utili ad eventuali indagini, sensibile minor costo dei mezzi e della loro manutenzione, maggiore sicurezza per gli operatori di polizia.

“I droni rappresentano la perfetta tecnologia da utilizzare per prevenire azioni criminali e eseguire un controllo capillare del territorio ed in particolare dell’ambiente - dichiara Nicola Nizzoli di Italdron - L’utilizzo di sensori ottici e termici consente all’operatore di svolgere in sicurezza e a distanza le operazioni in modo ecologico ed efficace. Siamo molto soddisfatti dei risultati e abbiamo sul campo testato un metodo di lavoro efficiente ed efficace”.

"Grazie alle più avanzate strumentazioni UAV donate da Italdron Accademy a Legambiente e alla disponibilità a fornire ogni supporto tecnico, l'impegno operativo delle Guardie ecologiche volontarie di Legambiente da oggi potrà realizzare servizi fondamentali per il monitoraggio di situazioni delicatissime e importanti per la tutela di specie protette così come per prevenire o fermare azioni criminali contro l'ambiente - afferma Antonino Morabito, responsabile nazionale fauna e benessere animale di Legambiente - Nei prossimi mesi Legambiente incrementerà i volontari formati su questo fronte operativo per agire con maggiore efficacia nelle aree più minacciate d'Italia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droni a tutela della natura: la società ravennate e Legambiente insieme per la difesa degli animali selvatici

RavennaToday è in caricamento