menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strade ghiacciate, la proposta: "Ricominciare a distribuire il sale gratuitamente ai cittadini"

Ai residenti in edifici che si affacciano su aree di pubblico passaggio incombe l'obbligo di “spargere nelle aree sgomberate dalla neve, se la temperatura scende sotto zero, un adeguato quantitativo di sale, per evitare la formazione di ghiaccio”

Nel Comune di Ravenna, ai residenti (proprietari, conduttori e amministratori) in edifici privati che si affacciano su aree di pubblico passaggio incombe anche, tra i comportamenti ritenuti utili a limitare i danni provocati dalla neve o dal gelo, l'obbligo di “spargere nelle aree sgomberate dalla neve, se la temperatura scende sotto zero, un adeguato quantitativo di sale, per evitare la formazione di ghiaccio”.

"Fino a non molti anni fa, il “Servizio relativo al ripristino delle normali condizioni di viabilità in presenza di ghiaccio e/o precipitazioni nevose per la stagione invernale”, il cosiddetto “Piano ghiaccio/neve” del Comune stesso prevedeva la distribuzione gratuita di sale ai cittadini che si recassero in via Pag, presso la sede di Sistema 2 (ora Sistema 3), per ottenerne il quantitativo da spargere di fronte alla propria residenza - spiega il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi presentando una proposta di mozione del consiglio comunale - Ora ciò non è più ammesso. In numerosi Comuni è tuttora attiva la distribuzione gratuita di sale ai cittadini in più punti strategici delle città; in molti altri, l’uso del sale antighiaccio è solo consigliato. Convenendo che i cittadini in condizione di farlo abbiano il dovere di tenere sgombro dal ghiaccio, come dalla neve, il proprio fronte stradale, occorre però tener conto che raggiungere i centri commerciali in cui è possibile acquistare i sacchi di sale atti allo scopo non è agevole, sia per le condizioni della viabilità che per la distanza; così come le confezioni, in genere da 25 chili, non sono facilmente asportabili da persone con ridotte forze fisiche, quando invece, per modesti tratti di marciapiedi, potrebbero bastare quantità minori. Non va inoltre escluso che, in caso di perdurante avversità climatica, le scorte dei centri commerciali stessi abbiano presto a esaurirsi. D’altra parte, in occasione delle nevicate, la pratica dello spargimento del sale dovrebbe essere incentivata e sollecitata dall’amministrazione comunale nel suo stesso interesse a ottenere la collaborazione della cittadinanza al proprio compito di garantire il buono stato delle strade urbane. In mancanza di questa, infatti, i maggiori costi del servizio pubblico non compensano il risparmio di spesa per la distribuzione gratuita del prodotto, considerato anche che quando acquistato in grandi quantità esso subisce un notevole ribasso di prezzo rispetto al dettaglio".

"Il consiglio comunale chiede dunque al sindaco - conclude il consigliere d'opposizione - di attivare un percorso di modifica del Piano ghiaccio/neve affinché sia ripristinata la distribuzione gratuita di sale antighiaccio in occasione delle nevicate che ne impongano ai cittadini residenti lo spargimento sul proprio fronte stradale; se possibile, far sì che tale distribuzione avvenga in generale presso il deposito di Sistema 3 in via Pag e, comunque, sia in ogni caso effettuata per le persone in età di pensione legale o con invalidità civile certificata presso i centri civici dei rispettivi Consigli territoriali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento