Un logo e un naming per Dante 2021: ecco i tre progetti finalisti

Si è conclusa la prima parte della procedura di selezione con percorso partecipato per scegliere il logo e il naming di Ravenna nel VII centenario della morte di Dante Alighieri

Si è conclusa la prima parte della procedura di selezione con percorso partecipato per scegliere il logo e il naming di Ravenna nel VII centenario della morte di Dante Alighieri, con la quale l’amministrazione intende appunto individuare un'identità visiva che rappresenti le celebrazioni dantesche del 2021 a Ravenna.

Durante la prima fase della selezione una giuria di qualità costituita da 5 membri esperti ha esaminato i progetti nel rispetto del loro anonimato, seguendo i seguenti criteri: Caratteristiche concettuali, estetiche, espressive; Efficacia comunicativa e qualità della proposta in ordine alla relazione tra Ravenna e Dante; Funzionalità e applicabilità ai diversi utilizzi e contesti istituzionali

La giuria era così composta: Giulio Ceppi, Architetto dottore di ricerca in Disegno Industriale presso il Politecnico di Milano dove dal 1995 è ricercatore e docente incaricato nella Scuola del design. Dal 2004 è direttore del Master in Business Design di Domus Academy.  Nel 1999 fonda e dirige Total Tool, società per consulenze di identità integrata, management dell’innovazione e progetto strategico, oggi con sedi a Tokyo e Buenos Aires; Giulio Blasi, Semiologo, amministratore delegato di Horizons Unlimited, società che gestisce il servizio MLOL in 4.500 biblioteche italiane e straniere, si occupa di editoria multimediale; Marianna Panebarco, General Manager Panebarco &c sas, esperta di comunicazione digitale. Presidente CNA Giovani Imprenditori Emilia-Romagna. Membro di Presidenza CNA Giovani Imprenditori Nazionale. Membro del Comitato Dantesco Ravennate; Mimmo Berterame, Amministratore delegato della Gusto italian design Studio che realizza consulenze professionali nella progettazione e nella pianificazione di campagne su scala nazionale ed internazionale, con new e classic media; Maurizio Tarantino, Dirigente UO. Politiche e attività culturali, direttore dell'Istituzione Biblioteca Classense e Istituzione Museo d'arte della città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tre progetti selezionati dalla giuria e che verranno sottoposti alla seconda fase di valutazione attraverso la procedura partecipata il 29 aprile alle 20,00 al Teatro Rasi nell'ambito della Chiamata pubblica organizzata dal Teatro delle Albe – Ravenna Teatro, aperta a tutta la cittadinanza, sono quelli proposti da Matilda Studio (Cesena), Menabò group (Forlì) e Social Design srl (Firenze). I progetti arrivati sono stati in tutto ventinove, da soggetti provenienti da tutta Italia e anche dall’estero: Ravenna, Riccione, Bellaria, Mirandola, Bologna, Firenze, Russi, Lugo, San Giovanni in Marignano, Messina, Milano, Forlì, Rimini, Mosca, Faenza, Slovenia, Cesena, Caltagirone, Roma, Cagliari, Bagnacavallo, Siviglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza "cintura": si varcano i confini dei comuni solo per motivi strettamente necessari

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, la crescita non si ferma: 22 nuovi casi e 3 decessi nel ravennate

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Trema la terra: avvertita una scossa di terremoto a Cervia

  • Le fiamme si liberano alte in cielo: incendio in un capanno in zona Isola degli Spinaroni

Torna su
RavennaToday è in caricamento