Volontariato, tornano le magliette gialle dei Lavori in Comune: inaugurata la settima stagione

A conclusione del progetto Lavori in Comune si terrà il 19 ottobre, alle 20.30, all’Almagià, una grande festa con la consegna degli attestati di partecipazione

Si è aperta ufficialmente giovedì mattina la settima edizione di Lavori in Comune con la consegna delle magliette. Numerosissimi i ragazzi e le ragazze intervenuti nonostante la pioggia battente che non ha consentito di fare la consueta foto di gruppo in piazza del Popolo colorandola di giallo. Ragazze e ragazzi tra i 14 e i 18 anni cominceranno quindi da lunedì 18 giugno la nuova stagione delle attività di volontariato e cittadinanza attiva, dedicandosi a iniziative e progetti a favore della comunità. I ragazzi iscritti sono 747, di cui 467 femmine e 280 maschi; per 427 di questi giovanissimi si tratta della prima esperienza. Sono ben 55 le iniziative in programma quest'anno, per più di 100 settimane complessive di attività.

Ad accogliere i giovanissimi volontari l’assessore al decentramento Gianandrea Baroncini. “E’ davvero un piacere per me salutarvi – ha detto l’assessore Baroncini – e vedervi così numerosi; anche quest’anno i numeri delle adesioni e delle attività sono importanti e attestano la qualità del progetto che vi permetterà di approfondire e conoscere la vostra città sotto diversi aspetti, con un’attenzione particolare verso chi ha più bisogno; quest’ultimo è il valore aggiunto delle attività per formare cittadini consapevoli, protagonisti attivi della vita cittadina dei prossimi anni”. 

Il progetto Lavori in Comune è promosso dall’assessorato al Decentramento, sostenuto dai dirigenti scolastici delle scuole secondarie di secondo grado e realizzato con la collaborazione di numerosissimi soggetti pubblici e privati, del mondo dell’associazionismo, dei servizi e del volontariato, ma anche da singoli volontari. Tra le novità di quest’anno ci sono l'introduzione di nuovi laboratori che possano essere più vicini all'interesse dei ragazzi, tra i quali si segnala "DJ Style" dove i volontari impareranno le tecniche base per conoscere tale mestiere, animando la serata finale all'Almagià del 19 ottobre. Inoltre da quest'anno i laboratori "Scuola sotto gli alberi" e "La città accogliente" avranno alcuni turni pomeridiani in via sperimentale per venire incontro al grande successo riscontrato negli anni passati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le altre attività alle quali si dedicheranno i ragazzi, solo per fare alcuni esempi, sono previsti la realizzazione di interventi di abbellimento di strutture ad uso comune e aree pubbliche, come parchi e piazze; di materiali didattici e giocattoli per bambini; laboratori a favore di ragazzi diversamente abili, iniziative di accoglienza turistica, di carattere ambientale, culturale, artistico e anche animalistici. Da quest'anno Lavori in Comune sbarca anche sul mondo dei social con l'hashtag #LinComuneRA. Così si riuscirà a creare una rete digitale nella quale i ragazzi potranno condividere le proprie esperienze nell'ambito del volontariato attivo. A conclusione del progetto Lavori in Comune si terrà il 19 ottobre, alle 20.30, all’Almagià, una grande festa con la consegna degli attestati di partecipazione che i ragazzi potranno chiedere alle segreterie delle proprie scuole di convertire in crediti formativi scolastici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Si cappotta in un campo col camion: portato a Bologna in elicottero, è gravissimo

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

  • Il Coronavirus si porta via un medico: "Una splendida persona sempre disponibile"

  • Fortissima esplosione in un'abitazione: uomo ferito in condizioni gravissime

  • Coronavirus, rallentano i contagi e crescono i guariti. Ma Ravenna conta un altro morto

Torna su
RavennaToday è in caricamento