Cartelli shock di Forza Nuova fuori dal Tribunale contro le vittime di violenza

Nuova incursione notturna di Forza Nuova in città, a meno di un mese di distanza dallo striscione shock appeso e rivendicato dagli stessi forzanovisti sul muro esterno della Casa delle Donne

Nuova incursione notturna di Forza Nuova in città, a meno di un mese di distanza dallo striscione shock appeso e rivendicato dagli stessi forzanovisti sul muro esterno della Casa delle Donne. Nella notte tra domenica e lunedì infatti, mentre in città terminavano le attività dedicate alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il dipartimento femminile di Forza Nuova ha tappezzato di immagini shock - nelle quali è ritratto un sanguinoso femminicidio con la scritta "Ecco il risultato della vostra integrazione" - le sedi dei Tribunali di alcune città romagnole, tra le quali anche Ravenna, Forlì e Rimini.

"Lo abbiamo fatto affinchè nessuno dimentichi cosa è accaduto a Pamela Mastropietro", la 18enne romana uccisa nel maceratese il 30 gennaio scorso, per la cui è morte è imputato un nigeriano. "Un giorno all'anno per ricordare le vittime di violenza non basta, non è sufficiente lavarsi la coscienza per i restanti 364 - commentano i forzanovisti - Non esiste il femminicidio, ma il delitto di un essere umano; non c'è differenza tra i carnefici, lo sono tutti in egual misura. Non si può insabbiare la verità e tacere sui crimini prodotti dalla pseudo accoglienza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento