rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

A 16 anni si uccide gettandosi sotto un treno, la scuola: "Qualcosa è mancato anche da parte nostra"

Il dirigente scolastico ha voluto ricordare lo studente di seconda superiore anche per fare luce su un problema che riguarda sempre più giovani inviando una circolare a docenti, studenti e genitori degli stessi

E' un lutto troppo doloroso da sopportare quello che ha colpito nei giorni scorsi l'Itis Nullo Baldini di Ravenna, dove professori e alunni sono ancora sotto shock dopo la morte di un 16enne che martedì si è tolto la vita gettandosi sotto un treno in corsa. Il dirigente scolastico Antonio Grimaldi ha voluto ricordare lo studente di seconda superiore anche per fare luce su un problema che riguarda sempre più giovani inviando una circolare a docenti, studenti e genitori degli stessi.

"Un nostro studente (omettiamo volutamente il nome per proteggerne la privacy, ndr) ha scelto di non proseguire insieme a noi questo breve tratto di vita - scrive Grimaldi - Era quello che non doveva accadere. Scrivere un semplice comunicato di lutto, per quanto “grave" avrebbe potuto essere definito, sarebbe stato un atto dovuto, ma troppo ordinariamente formale. Quello che è accaduto è purtroppo quello che non doveva assolutamente accadere in nessun modo, a nessuna condizione. Si tratta di una lacerazione straziante, sicuramente per la famiglia e per le persone a lui più care; ma lo è anche per tutta la nostra scuola, per tutti i compagni, della sua e di altre classi, per le famiglie, per i professori, anche di altre classi. Per tutto il personale, per quello che è in servizio ora, per quello che lo è stato, per quello che lo sarà. Per il dirigente che c’è ora e per quelli che verranno. Una lacerazione che non potrà mai essere veramente ricucita, anche se il tempo passerà e nuovi problemi o nuove distrazioni attraverseranno la nostra mente".

Secondo il dirigente scolastico "qualcosa è mancato, anche da parte nostra, in termini di comprensione delle parole, degli sguardi, dei segni. Certo non siamo superuomini o maghi che tutto sanno, tutto capiscono o in grado di prevedere anche quello che si nasconde dietro l'angolo. Ma il gesto di questo ragazzo ci deve porre in maggiore allarme, ci deve spronare ad ancora maggiore cura dei nostri ragazzi, oltre che di tutti noi. E deve anche spingere i ragazzi, i nostri studenti, a restare più uniti, a confidarsi con noi, a casa, fra di loro, per cercare di comprendersi, di sentirsi vicini, al di là delle immagini leggere che di loro stessi a volte vogliono dare. Anche in questo caso è impensabile, impossibile capire o prevedere tutto, ma possiamo provare a migliorare ed essere insieme più forti e raccogliere - senza più dimenticare il nostro compagno - questo monito, da quello che non doveva accadere".

L'appello del sindaco ai giovani: "Non abbiate paura di chiedere aiuto"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A 16 anni si uccide gettandosi sotto un treno, la scuola: "Qualcosa è mancato anche da parte nostra"

RavennaToday è in caricamento