menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Accademia di belle arti e l'Istituto musicale Verdi cercano una nuova sede in centro storico

Si cerca un immobile, situato in centro storico, di almeno 1.500 metri quadrati per lo svolgimento delle attività amministrative e di segreteria, didattiche e di produzione anche comuni

Martedì mattina, come tutti i martedì, si è riunita la giunta comunale, non nella solita sala, ma in quella del consiglio, più grande, per assicurare il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro e in generale di tutte le prescrizioni per il contenimento e il contrasto della diffusione del Coronavirus.

“Siamo tutti impegnati – dichiara il sindaco Michele de Pascale – ad affrontare nel miglior modo possibile la complessa sfida del Coronavirus. Insieme però a questo grandissimo sforzo stiamo anche continuando a lavorare, tutti quanti, per continuare a garantire i servizi e l’attuazione del piano degli investimenti, per il quale non è assolutamente pensabile alcun rallentamento, in quanto si tratta proprio di una delle carte fondamentali che dovremo giocarci per la ripartenza dell’economia una volta passato questo difficilissimo momento. Il mio ringraziamento va quindi non solo alla giunta ma a tutta l’amministrazione comunale e a tutti i dipendenti, che in questi giorni stanno lavorando con ancora maggiore impegno”.

In particolare, tra gli atti adottati dalla giunta nella seduta di oggi si segnala la procedura per l’individuazione di beni immobili in locazione passiva da destinare all’Accademia di Belle Arti e all’Istituto superiore di studi musicali Giuseppe Verdi. Si avvia infatti ufficialmente la ricerca della nuova sede da destinare all’Accademia di Belle Arti e all’Istituto superiore di studi musicali Giuseppe Verdi di Ravenna. La giunta, attraverso lo strumento dell’avviso pubblico finalizzato ad attivare un contratto di locazione, si impegna a trovare un edificio adeguato a quello che diventerà il Politecnico delle arti di Ravenna.

“Con questo atto amministrativo – affermano il sindaco de Pascale e l’assessore all’Istruzione superiore Ouidad Bakkali – si concretizza il già espresso impegno dell’amministrazione comunale nei confronti di queste due importanti istituzioni artistiche della città. In attesa che si completi il progetto di statizzazione noi proseguiamo nel processo di valorizzazione, che consentirà a docenti e allievi di esprimere al meglio competenze e progettualità, nella consapevolezza che sarà un arricchimento per loro e per l’intera città”.

L’assessorato a Università e formazione superiore, unitamente a quello di edilizia scolastica, hanno evidenziato all’assessorato al Patrimonio la necessità di individuare un immobile, situato in centro storico, di almeno 1.500 metri quadrati per lo svolgimento delle attività amministrative e di segreteria, didattiche e di produzione anche comuni quando sarà effettiva la statizzazione dei due enti. Il nuovo stabile potrà permettere lo sviluppo di un’offerta formativa comune e la riorganizzazione e razionalizzazione delle strutture con un contenimento dei costi e un incremento nell’efficacia dei servizi: unica segreteria didattica e amministrativa; gestione amministrativa comune del Progetto Erasmus e dei tirocini; realizzazione, anno per anno, di progetti di produzione artistica condivisi; creazione di un’unica biblioteca tramite la messa in comune del rispettivo patrimonio librario e documentale. Nella nuova sede dovrà esserci un auditorium, oltre ad uffici amministrativi, una sala riunioni, aule didattiche, una zona ristoro, spazi da utilizzare come deposito e magazzino, un archivio per il patrimonio librario e documentale, una sala lettura e consultazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento