menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Lavoratori in altezza senza imbragatura": il consigliere chiede di vigilare sui cantieri

"Vigiliare sulle piattaforme in altezza nei cantieri stradali del Comune". E' la richiesta contenuta all'interno di un'interrogazione consiliare presentata dal capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi

"Vigiliare sulle piattaforme in altezza nei cantieri stradali del Comune". E' la richiesta contenuta all'interno di un'interrogazione consiliare presentata dal capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi. "Abbiamo dimostrato al sindaco (senza averne ricevuto spiegazione) le molte incontrollate violazioni delle norme di sicurezza in taluni cantieri stradali del Comune - spiega il consigliere d'opposizione - Da uno dei nostri numerosi “osservatori” spontanei dislocati sul territorio abbiamo ricevuto la segnalazione di trasgressioni similari attinenti ai lavori di verniciatura programmati sui lampioni stradali, in carico alla società cooperativa concessionaria del servizio di illuminazione pubblica. Nelle foto scattate in via Le Corbusier si nota che l’operaio sulla piattaforma, posta a notevole altezza, è sprovvisto dell’imbragatura di sicurezza, obbligatoria per i lavori in quota, che non è agganciata (si vede il moschettone libero), ma neppure indossata".

Ancisi si chiede "se il lavoratore abbia ricevuto adeguata formazione/informazione, se sia stato dotato dal suo datore di lavoro degli adeguati e opportuni dpi (Dispositivi di Protezione Individuale) e se qualcuno per l’impresa eserciti il controllo del rispetto delle norme di sicurezza, tenuto conto che il suddetto mancato utilizzo dell’imbragatura appare sistematico, essendo stato notato in vari interventi del genere e in diverse giornate. Ci si chiede inoltre se, per lavori effettuati sotto gli occhi di tutti, non occasionali ma programmati e che si protraggono da settimane, sia normale che nessuno dell’amministrazione pubblica se ne accorga. Mancando, all’interno dell’area delle Infrastrutture civili, un vero e proprio nucleo tecnico ispettivo addetto al controllo dei cantieri stradali di ogni tipo, esiste pur sempre la Polizia di Quartiere del Comune stesso, con 47 agenti (di cui 4 direttivi) addetti alla sola città capoluogo, costituita per svolgere un costante e assiduo “controllo capillare del territorio”. I controlli sulla sicurezza dei cantieri stradali riguardano peraltro non solo i lavori pubblici, bensì anche privati".

Il consigliere chiede quindi al sindaco De Pascale "se ritiene opportuno che nell’area delle Infrastrutture civili sia costituito un nucleo tecnico ispettivo addetto al controllo dei cantieri stradali, pubblici e privati e se intende nel frattempo disporre che sulla sicurezza dei cantieri stradali la Polizia municipale eserciti comunque, quale compito di istituto, il controllo capillare del territorio proprio della sua Polizia di Quartiere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento