menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Museo Dantesco apre nel giorno del Dantedì: sarà esposto anche l'ossario

Si tratta del riallestimento del museo dantesco inaugurato proprio un secolo fa, nel 1921, in occasione della celebrazione del sesto centenario della morte di Dante

C'è la data: il nuovo Museo Dantesco aprirà ufficialmente al pubblico - restrizioni Covid permettendo - il prossimo 25 marzo, in ocassione del Dantedì, la giornata dedicata al Sommo Poeta. Si tratta del riallestimento del museo dantesco inaugurato proprio un secolo fa, nel 1921, in occasione della celebrazione del sesto centenario della morte di Dante. Il Museo fu all'epoca ideato dall’architetto Ambrogio Annoni (allora Sovrintendente di Ravenna) e da Corrado Ricci, fondatore della Soprintendenza ravennate e colto studioso di Dante.

Oggi, esattamente cento anni dopo, si è sentita l’esigenza di consolidare la valorizzazione del culto di Dante raccontandone la vita e l’opera grazie a un allestimento contemporaneo capace di offrire un’esperienza emozionale e, allo stesso tempo, cognitiva, attraverso l’uso ragionato di interattività e multimedialità assieme a una significativa presenza di reperti e oggetti di grande suggestione, come la cassetta in cui i frati nascosero le ossa del Poeta e l’arca in cui furono esposte nel 1865, dopo il loro fortuito ritrovamento. Il nuovo “Museo Dante” sarà inaugurato  è l’esito di una concertazione tra Fondazione Cassa di Risparmio, proprietaria della sede, il Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali - Ravenna e il Comune di Ravenna, storici titolari del museo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento