"Parole di vita e di speranza" tra gli ospiti delle case di riposo e i bambini

I bambini, assieme alle insegnanti, hanno inviato lettere, pensieri e disegni tramite mail agli anziani nelle diverse strutture

Il Coronavirus non ha fermato il progetto intergenerazionale tra alunni delle scuole e anziani ospitati nelle strutture di residenza dell'Asp chiamato “Parole di vita e di speranza”. Sono stati infatti centinaia i bambini e ragazzi che durante i primi mesi dell’anno scolastico 2019-2020 hanno partecipato insieme alle loro insegnanti ed educatori parrocchiali ai progetti di accoglienza “Anziani e ragazzi. Insieme si cresce e ci si diverte” incontrando e rallegrando con la loro vitalità gli anziani residenti nelle quattro strutture dell’Asp di Faenza, Solarolo, Castel Bolognese e Fognano.

Fino a quando è stato possibile realizzare fisicamente gli incontri, i progetti hanno visto coinvolte una ventina classi fra scuole materne, primarie e secondarie del faentino. Si è trattato per la città di Faenza della scuola materna “Il Panda”, delle scuole primarie “T. Gulli” e “Don Milani”, delle scuole secondarie di primo grado “IC Cova-Lanzoni” e “IC San Rocco-Bendandi” mentre a Solarolo si è trattato della primaria “R. Pezzani”, a Castel Bolognese della primaria “Bassi” e a Fognano della scuola primaria “Giovanni XXIII, oltre a numerosi gruppi parrocchiali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si è trattato di giornate ricche di emozioni e stimoli che purtroppo, a causa della pandemia di Covid 19, si sono dovute interrompere dal punto di vista fisico. Per questo si è deciso di concludere questo importante percorso di incontro fra generazioni con il progetto “Parole di vita e di speranza” attraverso mezzi alternativi di comunicazione. Nello specifico i bambini, assieme alle insegnanti, hanno inviato lettere, pensieri e disegni tramite mail agli anziani nelle diverse strutture. Una corrispondenza "virtuale" che non ha mancato di colpire i "nonni" e le "nonne" che hanno, grazie all'aiuto del personale delle strutture, risposto con altrettanta empatia e partecipazione. L’iniziativa continuerà in questa modalità fino alla chiusura dell’anno scolastico, per poi progettare nuove iniziative a settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Si tuffano in mare, vengono risucchiati dalle onde: tre vengono salvati, uno perde la vita

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alberi caduti, nubifragi e allagamenti: i temporali seminano danni

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

  • Michelle Hunziker dà la scossa all'estate di Cervia, in 500 per "Iron Ciapet"

Torna su
RavennaToday è in caricamento