La grinta di parrucchiere ed estetiste: "Siamo due mesi indietro, ora pronte a recuperare allungando gli orari"

Tra le tante cose che cambieranno le clienti non potranno tenere le scarpe nel salone, così verranno allestiti spazi appositi per lasciare le scarpe dentro una busta chiusa

Le speranze iniziavano a vacillare, poi è giunta la buona notizia: dal 18 maggio si può riaprire. E così in questi giorni i telefoni di parrucchieri ed estetisti sono diventati roventi a causa delle tante chiamate da parte dei clienti che non vedono l'ora di tornare in saloni e centri estetici dopo la lunga attesa causata dall'emergenza Coronavirus.

"Io speravo nella riapertura, ma non ero molto ottimista. Le avvisaglie sembravano indicare il contrario - confessa Ligia Aparecida Lopes, titolare del centro Estetica Bio Ipanema a Punta Marina, che nelle scorse settimane aveva partecipato al flash mob per anticipare la riapertura rispetto a giugno - Mi ha fatto molto piacere questa notizia, due settimane in più a disposizione allegeriscono un po' le nostre preoccupazioni, dalle bollette alle altre spese". "Abbiamo sperato fino all'ultimo nella riapertura, e così è successo - raccontano dal salone ravennate di On Hair parrucchieri - Siamo molto contenti, ma allo stesso tempo siamo molto indaffarati. I clienti ci stanno letteralmente prendendo d'assalto con le telefonate".

Verso la riapertura

Ora la difficoltà per i professionisti del settore estetico sarà propria quella di venire incontro alle numerosissime richieste dei clienti, fra tagli di capelli, cerette e vari altri servizi lasciati in sospeso da marzo. "Due mesi di chiusura come questi non ci sono mai stati. La componente psicologica di questa pausa forzata è stata importante, se poi si aggiunge la preoccupazione economica viene fuori un'accoppiata non facile da affrontare - commentano da On Hair parrucchieri - Una buona notizia per tutti: clienti, dipendenti e titolari, ma la gestione sicuramente non sarà facile".

"Io sono protissima - fa sapere Ligia Aparecida Lopes - Anche se lunedì era giorno di chiusura per molti parrucchieri ed estetisti, dopo tutti questi mesi ferma sono pronta a ripartire subito". Uno dei punti più interessanti della questione è capire come cambierà la realtà di questi centri estetici con la riapertura. "Cambierà tutto - spiegano le parrucchiere di On Hair - Manca ancora qualche direttiva per capire quante persone potremo ospitare, ma siamo fiduciose".

Sulla nuova 'vita' dei centri estetici ci aggiorna la titolare di Estetica Bio Ipanema: "Da sempre ho utilizzato i dispositivi di protezione per tutti i servizi del mio centro estetico (tranne che per i massaggi), compresi guanti e mascherine. Cosa cambierà dal 18? Ci sarà bisogno della mascherina anche per i clienti e per me gli occhiali protettivi. Le clienti non potranno tenere le scarpe nel salone, così ci sarà uno spazio apposito in reception per lasciare le scarpe dentro una busta chiusa. Cambierà probabilmente la tempistica: i servizi saranno un po' più lunghi rispetto a prima, aumenterà il tempo tra un appuntamento e l'altro di 10-15 minuti per disinfettare la cabina. I clienti dovranno fissare gli appuntamenti solo tramite Whatsapp o telefonate, non più venendo in negozio come facevano prima. Per il resto siamo in due a lavorare, quindi ci saranno nel salone solo due clienti alla volta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Liberalizzazione degli orari e appuntamenti

Nel frattempo è arrivata anche la notizia della liberalizzazione degli orari per i professionisti del settore estetico. Verrà sfruttata nel ravennate questa occasione per recuperare il tempo e i guadagni persi? "Assolutamente sì - risponde l'estetista di Punta Marina - ho sempre avuto molta flessibilità nei miei orari di lavoro. Se davvero ci daranno l'opportunità di allungare gli orari lo farò volentieri. Io sono 2 mesi e 8 giorni indietro: sono stata tra le prime a chiudere dopo il decreto dell'8 marzo". Tanti cittadini erano già corsi ai ripari confidando nella riapertura. "Avevo già organizzato gli appuntamenti nelle prime due settimane di giugno, perciò non ho fatto altro che anticipare le prenotazioni a partire dal 18 maggio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Investita mentre attraversa sulle strisce: donna in condizioni gravissime

  • Azienda in crisi e lavoratori a rischio, lo sfogo di una dipendente: "Ci hanno abbandonati"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento