menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I locali ravennati sfidano il Governo con la manifestazione 'Io apro': "Fateci lavorare rispettando le regole"

Nel territorio di Ravenna le prime adesioni alla campagna "Io Apro" che prevede la riapertura a partire dal 15 gennaio: "Ci hanno fatto prendere tutte le precauzioni, ma ci tengono chiusi lo stesso"

Si allungano i giorni di chiusura forzata per molte attività a causa della pandemia da Coronavirus e sale il malumore di commercianti e ristoratori. Cresce talmente tanto l'amarezza che, alla fine, qualcuno decide di non sottostare più alle regole imposte dal Governo. Così diversi imprenditori d'Italia hanno deciso di riunirsi al grido dell'hashtag "#ioApro1501", una protesta comune che prevede di riaprire tutto a partire dal 15 gennaio 2021 (ma c'è anche chi si è schierato contro questa scelta dei colleghi).

Insomma, dopo gli atti di disobbedienza dei singoli esercenti arriva l'iniziativa collettiva: venerdì 15 gennaio diversi bar e ristoranti - ma anche altre attività come palestre e piscine - terrano aperte le proprie porte e serviranno i clienti a prescindere delle norme in vigore nel territorio in cui si trovano. Una data non casuale, visto che venerdì sarà varato il nuovo dpcm e molte regioni - tra cui anche l'Emilia Romagna - potrebbero rischiare misure ancora più rigide rispetto a quelle attualmente in vigore, tra cui anche l’abolizione del servizio d’asporto per bar e ristoranti dopo le 18.

Sono già molte le attività di tutta la Regione che hanno dichiarato la propria intenzione di aprire nonostante i divieti, e fra queste ci sono anche due storiche realtà del territorio ravennate: il ristorante Da Matteo a Marina di Ravenna e il Macgowan pub a Ravenna. "Dobbiamo pur mangiare anche noi. I contagi continuano a crescere in quantità, ma sono chiusi solo bar e ristoranti? - si domanda Manuela Savorelli del ristorante Da Matteo - Mi sembra una sciocchezza. E' vero che danno la possibilità di fare l'asporto, ma siamo a Marina di Ravenna, non in centro a Bologna. E in ogni caso mi sembra ingiusto. Mi sento presa in giro, è ridicolo che tutti siano aperti tranne bar e ristoranti. Ci hanno fatto prendere tutte le precauzioni, e questo va bene, ma poi ci tengono chiusi lo stesso. Fateci lavorare facendoci rispettare tutte le regole che si devono rispettare per stare aperti. Quello che non mi piace - aggiunge poi la ristoratrice - è che probabilmente saremo gli unici ad aprire qui a Marina e il giorno in cui apriremo, perché io apro, troveremo i Carabinieri fuori dalla porta. Mi dispiace che questa volta non si lotti tutti uniti".

"Dopo tutti questi mesi rischiamo di dover chiudere attività, perché non riusciamo più a sostenere le spese - afferma Fulvia, che insieme al marito è socia del Macgowan pub di Ravenna - Tanti responsabili hanno notato che non è nei luoghi di lavoro che si diffonde il Covid, ma ci si contagia ritrovandosi nelle case. I problemi nascono lì, non nei pub, nei ristoranti e in altri luoghi di lavoro. Noi apriamo per dare una segnale anche alle altre persone che non aprono per paura. Sicuramente chi non apre ha paura di prendere una multa, ma a questo punto mi chiedo: cosa cambia? I ristori sono un'elemosina, non possiamo continuare così. Noi venerdì apriamo fino all'orario del coprifuoco e penso che qualche cliente verrà. E se anche non venisse nessuno, sarebbe comunque una protesta simbolica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Domotica

Le cappe da cucina ideali per una casa smart

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento