rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Cronaca Lidi ravennati

Paura al terminal crociere, la bora rompe i cavi d'ormeggio della nave: intervengono Capitaneria e ormeggiatori

La Viking Sea si sposta e rischia di finire contro gli scogli. Provvidenziale intervento di Capitaneria di Porto e tecnici del terminal crociere per la messa in sicurezza dalle intense raffiche di vento

Il maltempo di sabato mette a rischio anche le attività marittime. La nave da crociera Viking Sea, che alle ore 8 era regolarmente ormeggiata (ormeggio sud) al Terminal Crociere di Porto Corsini, si è infatti allontanata dalla propria posizione per le forti raffiche di bora provenienti da nord, di intensità assolutamente straordinaria. Come riferisce la Capitaneria di Porto, tutto è iniziato alle 9.15, nel momento in cui il maltempo ha cominciato a sferzare la costa romagnola e il litorale di Ravenna, con vento salito in breve fino all’intensità di burrasca forte (oltre 80 km/h) e raffiche di tempesta, la nave ha rotto i cavi di ormeggio, mettendosi di traverso e appoggiando la chiglia sul fondale sabbioso, evitando così di finire contro la scogliera antistante il Molo Guardiano del porto ravennate.

La Sala Operativa della Capitaneria di Porto è stata immediatamente allertata e ha coordinato l’intervento dei servizi tecnico-nautici, ossia piloti del porto, rimorchiatori e ormeggiatori, che sono stati impegnati nelle lunghe manovre finalizzate a mantenere in assetto la nave, con l’impiego di ben 5 rimorchiatori, su uno dei quali era imbarcato il Capo della Corporazione Piloti del Porto per dirigere tecnicamente la manovra. In campo anche la motovedetta della Guardia Costiera CP 328 “ognitempo”, in assistenza, e gli uomini del Gruppo Ormeggiatori.

Le operazioni sono andate avanti per oltre 4 ore: in un primo momento, i rimorchiatori hanno lavorato ininterrottamente per contrastare le violente raffiche di vento che spingevano lateralmente la nave contro la scogliera, riuscendo a riportarla parallela alla banchina e poi a mantenerla in posizione di sicurezza. Successivamente, quando il vento, intorno alle 12.30, è diminuito di intensità, la nave è stata riavvicinata alla banchina attraverso una complessa manovra, con tre rimorchiatori in spinta sulla fiancata e due a tirare i cavi sul lato opposto.

La Viking Sea, di bandiera norvegese, 228 metri di lunghezza con 870 passeggeri a bordo e circa 200 membri di equipaggio, è stata riportata in sicurezza all’ormeggio poco dopo le 13. Da bordo hanno confermato che non c'è stata nessuna conseguenza per le persone imbarcate. La dinamica dell’evento, ed i motivi che hanno portato alla rottura dei cavi di ormeggio, nonostante i ripetuti avvertimenti, saranno oggetto di attenta verifica tecnica, ai sensi del Codice della Navigazione, che sarà eseguita dai militari della Sezione Sicurezza della Navigazione della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Ravenna, che si sono recati a bordo per un’ispezione.

Come sottolinea la Capitaneria di porto, la nave non potrà lasciare il porto di Ravenna fino a quando non si apprenderanno le cause dell’evento e dopo che saranno eseguite le verifiche tecniche disposte dall’Autorità Marittima. L’Autorità Marittima richiama ancora una volta l’attenzione sull’importanza di valutare sempre prudentemente le previsioni del tempo e lo stato del mare, adottando tutte le misure necessarie, al fine di salvaguardare la sicurezza della navigazione.

Alberi caduti e incidenti nel Ravennate

Strade chiuse, traghetto fermo e ingressione marina sulla costa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura al terminal crociere, la bora rompe i cavi d'ormeggio della nave: intervengono Capitaneria e ormeggiatori

RavennaToday è in caricamento