menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza idrogeologica: via libera agli 8,5 milioni di euro per la cassa di espansione del Senio

Ora le risorse sono certe: un via libera atteso dalle comunità locali per la messa in sicurezza idrogeologica del territorio

Ora le risorse - 74 milioni di euro - sono certe. Un via libera atteso dalle comunità locali per la messa in sicurezza idrogeologica del territorio, a partire dalle due nuove casse di espansione per i fiumi Baganza e il nodo idraulico di Colorno, in provincia di Parma, e agli 8,5 milioni di euro per quelle del Senio, oltre al completamento di quella del Lavino, nel bolognese. Nei Comuni di Brisighella, Faenza e Riolo terme, l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile procederà all’approvazione del progetto definitivo. E sempre in provincia di Bologna interventi per la sicurezza idraulica del Sillaro, il potenziamento dell’impianto idrovoro “Il Conte” a Sala Bolognese e per intervenire su due frane a Montefiorino, in provincia di Modena.

Tutte opere previste dal Protocollo d'intesa siglato lo scorso dicembre dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e dall’allora ministro dell'Ambiente, Gianluca Galletti. Ora, la Corte dei Conti ha registrato l'atto predisposto dal precedente Governo, che stanziò i fondi, rendendo disponibili le risorse. Ciò significache si può partire per ultimare la progettazione e avviare i cantieri. Nella seduta di giovedi, la Giunta regionale ha infatti approvato il provvedimento che programma gli interventi e individua i soggetti che dovranno realizzarli: Aipo; Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile; Consorzio della Bonifica Renana e Comune di Montefiorino.

"La certezza delle risorse chiude il cerchio rispetto ad un importante impegno che avevamo assunto per garantire la sicurezza dei cittadini e delle imprese che operano sul territorio - afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - Si tratta di opere fondamentali che ci permettono di risolvere strutturalmente problematiche annose relative ai nodi idraulici del parmense, della pianura bolognese e del ravennate, fra i principali dell’Emilia-Romagna. Un risultato che corona un lavoro comune fatto insieme al Governo nazionale, agli enti locali e a tutti i soggetti impegnati nella sicurezza idrogeologica, una condivisione istituzionale che non può mai mancare quando si tratta rispondere alle esigenze delle comunità locali e garantire la manutenzione costante del territorio, per noi prioritaria".

"Si tratta di fondi molto attesi e ora operativi - aggiunge l’assessore alla Difesa del suolo, Paola Gazzolo - Siamo soddisfatti perché potranno essere realizzati i lavori programmati, ma anche preoccupati perché la scelta dell’esecutivo nazionale di cancellare ‘Italia sicura’ apre una nuova pagina di incertezza. Non va messa a rischio la possibilità di realizzare in tempi brevi altri interventi anch’essi già programmati, previsti nel piano per l’Emilia-Romagna da 140 milioni di euro: fondi per la sistemazione di infrastrutture danneggiate, opere per la sicurezza del territorio, ma anche nuovi studi, tecnologie innovative per i monitoraggi e le attività di progettazione. Tutto questo non può essere fermato, siamo pronti al confronto col Governo perché ciò non avvenga".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento