menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

West Nile Virus, Regione in testa per numero di casi: "Serve un piano straordinario"

Lo chiede Daniele Marchetti della Lega nord, che in un'interrogazione porta l'attenzione sul tasso di infezione in Emilia-Romagna, prima in Italia per numero di casi

Un piano straordinario di disinfestazioni definitive e più soldi ai Comuni per contrastare la diffusione del virus West Nile. Lo chiede Daniele Marchetti della Lega nord, che in un'interrogazione porta l'attenzione sul tasso di infezione in Emilia-Romagna, prima in Italia per numero di casi. Dal 15 giugno al 27 agosto di quest'anno, in Emilia-Romagna sono state testate 339 persone per sospetta malattia, delle quali 122 sono risultate positive. "Un dato interessante dal punto di vista epidemiologico e che conferma la grande diffusione del virus", spiega il consigliere Ln.

"Lo stesso assessore regionale alla Sanità - sottolinea l'esponente del Carroccio - ammettendo che molti sindaci hanno temporeggiato nella disinfestazione, spiega la necessità di essere più efficaci in una lotta che deve essere più radicale non sui soggetti adulti delle zanzare, ma sulle larve per produrre anche meno danni ambientali". Nonostante- si legge nell'atto- l'assessore rassicuri dicendo che la situazione è sotto controllo e affrontabile prendendo semplici precauzioni, Marchetti interroga la giunta per sapere se stia "pensando a un piano straordinario di disinfestazioni definitive, dato che il problema è presente nella nostra regione ora". Inoltre chiede se i Comuni ella Città Metropolitana di Bologna non abbiano bisogno di "più soldi per poter intervenire efficacemente", se usciranno dall'emergenza e se saranno "destinati aiuti mirati considerato il tasso di infezione e le morti collegate".

Ad oggi, i decessi attribuibili al virus West Nile sono 12, nella gran parte dei casi persone debilitate, anziane o con gravi patologie pregresse, dei quali ben tre nel ravennate: una 84enne faentina e un 85enne e un 83enne di Lugo. In tutto il territorio, oltre ai tre pazienti deceduti, sono stati segnalati altri sei casi, sette con quello di Bagnara. Le Regioni più interessate dalla diffusione del virus sono state Emilia-Romagna e Veneto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento