Gli alberghi a conduzione familiare della riviera riaprono i battenti con tante novità, ma senza rinunciare ai servizi

Niente di meno neppure nei servizi di svago per grandi e piccoli. Gli hotel con piscina potranno regolarmente permettere ai clienti di rilassarsi in vasca

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Come in ogni momento di difficoltà la riviera romagnola riparte dalle proprie eccellenze più consolidate. A cominciare dagli hotel tipici a conduzione familiare, quelli che con il loro lavoro hanno forgiato l'ideale stesso dell'accoglienza romagnola basandola sulla simpatia, la disponibilità, la cucina genuina e il giusto prezzo. Gli hotel a conduzione familiare che aderiscono a "Romagna da vivere", il principale portale che raccoglie gli alberghi tipici di qualità di tutta la riviera romagnola, riaprono i battenti e si apprestano a combattere una nuova sfida: coniugare l'accoglienza romagnola con il distanziamento sociale richiesto dalle norme anti Covid-19. I turisti che arriveranno per la stagione 2020 troveranno di certo alcune novità, ma niente di meno rispetto ai servizi ai quali la Romagna li ha abituati.

L'igienizzazione e la sostituzione di tutte le dotazioni personali in camera sarà attuata ad ogni cambio di clientela, mentre più volte al giorno si provvederà a nebulizzare il perossido di idrogeno sugli spazi comuni, come i divanetti delle sale Tv e lettura. Ai pasti le cucine prepareranno come sempre le migliori ricette della tradizione locale, servite in tavoli distanziati e riservati. E per quanto riguarda il rito della colazione, due le strade possibili scelte dagli hotel: il servizio al tavolo, oppure il tradizionale buffet che però sarà servito e non self-service, con i clienti che si avvicineranno al tavolo della colazione, protetto da pannelli in plexiglas, e comunicheranno cosa desiderano ad un cameriere che gli preparerà il piatto.

Niente di meno neppure nei servizi di svago per grandi e piccoli. Gli hotel con piscina potranno regolarmente permettere ai clienti di rilassarsi in vasca. A garantire le migliori condizioni di sicurezza il monitoraggio costante dell'acqua, il numero controllato degli accessi (7 metri quadrati d'acqua per ogni bagnante) e il distanziamento dei lettini. E neppure i bambini dovranno rinunciare alle aree giochi e persino alle attività più divertenti come la baby dance, per permettere la quale gli animatori hanno pensato di riscoprire il fascino senza tempo dell'Hula hoop, che garantisce divertimento e contemporaneamente il naturale rispetto della distanza di sicurezza. Insomma, gli alberghi tipici a conduzione familiare della riviera romagnola ci sono e, con la simpatia e la genuinità di sempre, sono pronti ad accogliere i turisti anche in questo 2020. 

Torna su
RavennaToday è in caricamento