Politica

Alleanza de Pascale-5 stelle, la Pigna e Italexit: "Più poltrone, più povertà, nessun sviluppo"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

L'alleanza de Pascale - 5 stelle è l'evidente frutto della sua disperazione politica e i 5 stelle si alleano con il Pd ravennate che gestisce il più grande poltronificio dell'Emilia- Romagna , sperando di occuparne qualcuna. I sondaggi ad oggi danno de Pascale in fortissima difficoltà; ovviamente il candidato del Pd, pur di tenersi stretta la poltrona di Sindaco di Ravenna, non si fa alcuno scrupolo ad allearsi con il Movimento 5 Stelle mettendo così definitivamente all'angolo l'area moderata della sua alleanza. Un'alleanza, è bene evidenziarlo, al cui interno c'è tutto e il contrario di tutto. Una cozzaglia di partitini e finte liste civiche spesso in contrapposizione tra loro ma ammansite dalla convinzione di essere sul carro del vincitore che elargirà loro una lauta ricompensa in termini di poltrone per la loro sudditanza.

Il problema, però, per noi Ravennati è che nella malaugurata ipotesi di vittoria di de Pascale, la nostra città resterà per altri 5 anni ingessata proprio a causa di un governo locale formato da soggetti incapaci di trovare una linea comune sui grandi temi che interessano Ravenna. Ravenna Coraggiosa e Movimento 5 stelle rappresentano la certezza del no allo sviluppo economico di Ravenna, del forese e dei lidi. Sono forze anti impresa e anti lavoro che privilegiano l'assistenzialismo statale e comunale. Per loro i ravennati devono ricevere il reddito di cittadinanza e di emergenza e i buoni pasto legati alla condizione di  difficoltà economica e di povertà. Povertà che nei 5 anni del Sindaco uscente de Pascale è cresciuta a Ravenna fortemente ben prima dello scoppio della pandemia. 

De Pascale, il sindaco della cementificazione si allea con i 5 Stelle che si professavano contrari ma che ora evidentemente fanno finta di nulla. E cosa  dire poi dell'assoluta contrarietà dei 5 stelle all'attività dell'Oil and Gas già fortemente in crisi, contrastata in favore di una transizione energetica fatta solo di parole e non di azioni e per un'energia da fonti rinnovabili oggi troppo costosa e non conveniente? Insomma Michele de Pascale è il candidato di una coalizione di soggetti che pur di guadagnare la poltrona, arrivano a rinnegare i loro principi fondanti.

Paola Pantoli - Capolista La Pigna e Graziano De Gianni - Capolista Italexit

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alleanza de Pascale-5 stelle, la Pigna e Italexit: "Più poltrone, più povertà, nessun sviluppo"

RavennaToday è in caricamento