rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Politica

Esposto contro l'adunata per Ettore Muti: "Abuso del diritto di manifestare, è apologia di fascismo"

La Consulta antifascista: "C'erano e restano gli estremi per vietare questo raduno o obbligare il suo trasferimento altrove perchè violatore dell'ordine democratico"

Anche quest'anno le proteste sollevate da più parti - tra cui anche quella dello stesso sindaco de Pascale - non sono bastate a impedire la commemorazione del gerarca fascista Ettore Muti organizzata dall'Anai (Associazione nazionale arditi d'Italia). Durante la manifestazione, però, anche questa volta è montata la polemica con i protestanti giunti con cartelli e striscioni.

"Nonostante il dettato costituzionale, le leggi ad hoc”Scelba” “Mancino”,”Reale”, più sentenze articolate delle Corti costituzionale e di cassazione,il regolamento del Comune di Ravenna da noi ripetutamente riportati,a Ravenna(e in Italia),si lascia ancora uno spazio pubblico al padroneggiante vetero-neo-fascismo del quale non ha alcun diritto - commentano Carlo Boldrini e Andrea Maestri, rispettivamente presidente e vicepresidente della Consulta provinciale antifascista di Ravenna - La Corte costituzionale insegna a tutti ex art. 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo ed ex 12a disposizione finale della Costituzione che la libertà d'espressione è limitabile per finalità democratiche, cioè quando l'azione si risolve in abuso di un diritto a scapito di altri diritti. La faziosa propagandistica apologia di fascismo che è ex lege un reato di pericolo, realizzata domenica con la glorificazione (niente affatto silenziosa) del gerarca ed ex squadrista Muti, le cui spoglie sono notoriamente in altra città (reato ex art. 4 e 5 della legge Scelba ecc), dichiarata dagli organizzatori con un corteo pubblico, corona di fiori ecc. è lapalissiano abuso del diritto a manifestare, è politico, non è affatto una cerimonia religiosa come avevano dichiarato gli organizzatori. I gesti e gli etimi fascisti espressi (camerata Muti presente ecc.) sono un'aggravante".

Commemorato il gerarca fascista Ettore Muti (foto di Massimo Argnani)

"Classificare le manifestazioni fasciste come questa una commemorazione di defunto è una surrettizia interpretazione abrogativa della legge Scelba ecc. (Trib. di Milano,sentenza n.1383/18) - continuano dalla Consulta - La Corte di cassazione ha ribadito che “il carattere appartato del luogo dove si tiene il raduno non è ragione per assolvere poiché è pubblico”. L'esaltazione del gerarca e del momento storico hanno carattere pubblico e apologetico “reato ex art.4 della legge Scelba”. “L'evento è da ritenersi antecedente causale idoneo a provocare adesioni e consensi favorevoli a riorganizzare formazioni di stampo fascista”. Pur nel rispetto dei defunti e dei loro loculi, piaccia o non piaccia chi è morto per la patria fascista, quale gerarca che infiniti lutti portò all'Italia prima e dopo il 1943, non è paragonabile a coloro che riportarono la libertà, la democrazia e la dignità all'Italia, e neppure a coloro che subirono in silenzio il fascismo. Non si capisce né è accettabile l'ostinazione a concedere lo spazio cimiteriale a questi tracotanti propugnatori del fascismo visto che il regolamento comunale non lo concede, considerata anche l'avvenuta traslazione dei resti del Muti in altra città. A chi giova tutto ciò? Non certo alla legalità repubblicana e alla democrazia. C'erano e restano gli estremi per vietare questo raduno o obbligare il suo trasferimento altrove perchè violatore dell'ordine democratico. Nei prossimi giorni verrà presentato un esposto alla Procura di Ravenna contro chi ha promosso questa adunata fascista".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esposto contro l'adunata per Ettore Muti: "Abuso del diritto di manifestare, è apologia di fascismo"

RavennaToday è in caricamento