rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Politica

Incontro in Piazza, Bazzocchi (LpRa) al sindaco: "I cittadini chiedono più vigilanza di quartiere"

"Molto è cambiato da quando in gennaio è arrivato a Ravenna il prefetto Fulvio Della Rocca, ma l'atteggiamento del sindaco Fabrizio Matteucci è immutato", esordisce Bazzocchi

Una cinquantina di persone hanno partecipato sabato pomeriggio in Piazza del Popolo all'incontro con Giulio Bazzocchi di Lista per Ravenna sul tema della sicurezza. Presenti anche rappresentanti del gruppo facebook "La Sentinella Ravennate", coordinati da Elisa Frontini. "Molto è cambiato da quando in gennaio è arrivato a Ravenna il prefetto Fulvio Della Rocca, ma l'atteggiamento del sindaco Fabrizio Matteucci è immutato - esordisce Bazzocchi -. Su tutto il territorio, ormai i cittadini lamentano spaccio, scippi, degrado ambientale, furti continui".

"Le forze dell'ordine - tiene a sottolineare il consigliere territoriale della lista civica - stanno svolgendo il loro lavoro, considerando anche i problemi che hanno. Non finirò mai di insistere, sul fatto che la vigilanza di quartiere deve essere organizzata in modo da coprire il territorio con pattugliamenti a piedi, continuati e regolari. Questo deve essere il modo con cui l'amministrazione comunale, appoggia e collabora con le forze dell'ordine nella prevenzione dei reati sul territorio: non ci sono solo multe per far cassa".

Bazzocchi garantisce il suo "'impegno al fianco dei cittadini. I tanti ravennati, che si lamentano ma poi quando è ora di metterci la faccia si nascondono, è ora che escano allo scoperto e sostengano apertamente chi si sta spendendo per loro". Nel frattempo l'esponente di Lista per Ravenna ha scritto al prefetto "perché possa farsi carico della problematica rom e affrontare seriamente il problema. Il sindaco mette davanti al bene dei cittadini onesti, altre priorità e affronta questi problemi, con la politica della tolleranza, dell'integrazione imposta".

Nella missiva viene sottolineato come Ravenna "da qualche tempo" sia "invasa da carovane rom in camper, che stazionano in diversi parcheggi della città: Pala De André, Coop&Coop, quartiere Darsena zona Gulli, parcheggio Basilica di Classe, fra le principali". Viene citato come esempio "una famiglia, già nota alle forze dell'ordine, che abita presso alloggio Acer in Via Baronessa, traversa di Via Canale Molinetto, manda in giro minori a mendicare e importunare i passanti, sulla pista ciclabile che conduce a Punta Marina".

"La famiglia è stata allontanata lo scorso anno, dal condominio acer di Via Eraclea, perché tradizionalmente, convocavano altre famiglie e creavano degrado nella vicina area verde del Parco Mani Fiorite di Via Nicolodi", aggiunge Bazzocchi, chiedendosi a fronte di questi comportamenti, il Comune (cioè i cittadini), devono ancora farsi carico di queste famiglie di parassiti? I minori sono tutelati in una situazione del genere?".

Secondo la 'sentinella' di LpRa, "una buona attività dell'aliquota Vigilanza di Quartiere della Polizia Municipale, già al corrente delle aree interessate, grazie alle segnalazioni dei cittadini e nostre, servirebbe da deterrente ai legati alla presenza di questi nuclei sul territorio.
Oltre ad importunare, creano degrado, sono in cerca di auto e abitazioni aperte, lasciano rifiuti, espletando le funzioni fisiologiche sul verde e compono atti di vandalismo, come accaduto giovedì scorso al parcheggio della Basilica di Classe, quando hanno infranto i fanali davanti di un pullman di turisti".

".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incontro in Piazza, Bazzocchi (LpRa) al sindaco: "I cittadini chiedono più vigilanza di quartiere"

RavennaToday è in caricamento