menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tornelli 'anti-bici' sulle dighe foranee? Anche la Lega è contraria

L'Autorità Portuale di Ravenna, infatti, si appresta a realizzare un "giro di vite" sulle regole che vietano l’accesso delle biciclette alle dighe foranee di Marina di Ravenna e di Porto Corsini

Anche la Lega dice no all’ipotesi dei tornelli sulle dighe foranee. L'Autorità Portuale di Ravenna, infatti, si appresta a realizzare un "giro di vite" sulle regole che vietano l’accesso delle biciclette alle dighe foranee di Marina di Ravenna e di Porto Corsini. "Secondo noi questa, dopo il recente incidente sul molo sud di un signore in bicicletta che lo ha poi portato purtroppo al decesso, non è la scelta giusta e per questo lo discuteremo con un question time: sarebbe come chiudere una spiaggia dopo un annegamento o chiudere lo stesso porto a seguito di un incidente in manovra - commenta il consigliere della Lega Gianfilippo Rolando - Oltretutto questa ipotesi andrebbe per l’ennesima volta a falciare gravemente il turismo perché impedirebbe l’ingresso a tutti i pescatori anziani che senza bici e carrello non potrebbero raggiungere il proprio sito di pesca. Ricordiamo che la lunghezza dei moli esterni è di quasi 3 km, distanza impossibile da colmare senza l’uso di bici e carretti per trasportare bilancino e attrezzature ittiche".

Chiusura a nome della sicurezza? "No, al contrario - puntualizza il consigliere - Pensiamo a un pensionato per esempio in cima al molo che vede alzarsi la bora e che per mettersi in salvo lo debba fare alcune volte entro 5 minuti per non venire travolto dalle onde: a piedi riuscirebbe a fare tutti quei km? La risposta ovviamente è no. Alla Fiab si sta creando un folto numero di pescatori, residenti e turisti che minacciano guerra attraverso l’avvio di una raccolta firme. Concludiamo con una provocazione chiedendoci se c’è una sorta di disegno per penalizzare il turismo e i lidi dal momento che oltre allo stato d’abbandono fra sfalci non eseguiti, zanzare, strade dissestate, dragaggio del Candiano in netto ritardo ecc. ci siamo visti i moli chiusi per 2 anni di fila in periodi turistici, 2 anni fa col dragaggio lungo i moli, l’anno scorso con il rifacimento del manto stradale nei moli, oggi la chiusura della Pialassa Baiona e domani magari la chiusura su ruota dei moli. Se le intenzioni sono queste, il Sindaco De Pascale e il presidente dell’Autorità Portuale lo dicano apertamente: i cittadini, le associazioni e i turisti ne prenderanno atto.".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento