menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Biblioteca Classense e Museo Mar, bilanci ok: il Comune investe quasi 4 milioni di euro

"Per il 5 settembre vogliamo la tomba restituita al suo splendore, il quadrarco di Braccioforte in ordine e il museo ristabilito", afferma Signorino

Il Comune di Ravenna investe quasi quattro milioni di euro tra Biblioteca Classense e Museo Mar. Rispettivamente 2,4 milioni, di cui 1,5 per le spese di funzionamento e per il personale e 908.000 euro per l'Istituzione Classense; per il Mar 1,47, rispettivamente 925.000 euro e 550.000. I bilanci dei due contenitori culturali sono stati al centro della seduta di martedì pomeriggio del Consiglio comunale di Ravenna. Con il via libera che arriva con 21 voti favorevoli, cinque astenuti e un contrario per la Classense, e 18 favorevoli, sei contrari e tre astenuti per il Mar.

Il bilancio di previsione della Biblioteca Classense ammonta a 908.000 euro, è entrato nel dettaglio dei numeri l'assessore alla Cultura Elsa Signorino, e le "piu' importanti" voci in uscita sono i 575.000 euro per il costo dei servizi bibliotecari esternalizzati; i 125.000 euro per la fornitura annuale. Oltre un centinaio gli eventi organizzati, ha proseguito, senza dimenticare gli 880 kit per nuovi nati distribuiti nel 2019. Per quanto riguarda il calo, invece, degli accessi alla Tomba di Dante, ha inciso il cantiere alla Biblioteca Oriani, cui ne seguiranno altri per riqualificare l'area in vista delle celebrazioni del Centenario della morte del somma poeta.

"Per il 5 settembre vogliamo la tomba restituita al suo splendore, il quadrarco di Braccioforte in ordine e il museo ristabilito". Per quanto riguarda il Mar, passando alla seconda delibera, sono stati 52.000 i visitatori e il bilancio ammonta a 765.000 euro, con alcune previsioni "caute". A partire dal dato sulle sponsorizzazioni, che si concretizzano in questi mesi, e dalle entrate, 160.000 euro. Di certo sara' la prima volta di nomi internazionali quali Dior, Fein e Pirelli. Sul fronte delle mostre, in primavera il fotografo Paolo Roversi con scatti inediti, dedicati a Ravenna e con uno sguardo sulle celebrazioni dantesche. E qualche polemica potrebbe nascere per il fatto che quest'anno ha curato il calendario Pirelli. In autunno "Dante. Gli occhi e la mente", con due esposizioni su cio' che il poeta vedeva di artistico durante il suo esilio e sul suo mito nella cultura contemporanea.

Tra le novita' anche l'apertura di un ingresso sui giardini pubblici che permettera' di entrare al museo per poi decidere se accedere alle sale. Le celebrazioni nazionali per il settecentenario dantesco prenderanno avvio a Ravenna il 5 settembre, aggiunge l'assessore in fase di replica al dibattito, saranno "ricchissime di eventi, il programma e' in fase avanzata". Tuttavia, "dire che la citta' non e' riconoscibile per Dante e' una delle cose che portero' al Comitato nazionale, per il quale abbiamo onorato di piu' e con sistematicita' il lasscito dantesco". (fonte Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento